Contenuto riservato agli abbonati

Dodici persone sotto inchiesta per il raggiro del fotovoltaico

Conclusa l’inchiesta a Padova: secondo la Procura, la Egi Group predisponeva le richieste di finanziamento e incassava direttamente i soldi erogati per conto del cliente. In ballo 250 mila euro, ecco chi erano le vittime

PADOVA. Una volta erano le enciclopedie o le batterie di pentole. Adesso il raggiro si è evoluto le nuove richieste del mercato. Così stavolta i furbetti della truffa si sono concentrati sulla “vendita” di impianti fotovoltaici. Virgolettato d’obbligo, perché la vendita sarebbe stata solo sulla carta e, una volta incassato il finanziamento, nessun impianto risulta mai essere stato installato, lasciando i clienti con le rate da pagare del prestito.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi