Furti di auto e in casa Due sindaci in facebook lanciano l’allarme

borgo veneto

I numerosi furti tra Montagnana ed Este, passando per Borgo Veneto, Ponso e Casale di Scodosia inquietano i residenti, tanto da mobilitare gli stessi sindaci che, allarmati, hanno avvisato la popolazione su Facebook. I primi episodi risalgono alla scorsa settimana ma sono ancora in atto: da giovedì infatti sono state segnalate alle autorità numerose intrusioni nelle abitazioni. Non si tratta di casi sporadici, bensì di furti in tutto il territorio.


Nel mirino dei ladri principalmente auto, ma non solo: in alcuni casi i malviventi sono riusciti ad introdursi anche nelle abitazioni in cerca di soldi e preziosi. La dinamica è la stessa: i ladri fanno irruzione in tarda serata scavalcando i cancelli, rompono il finestrino delle auto e tentano di rubarle. Se poi vedono che in casa non c’è nessuno, in alcuni casi entrano.

I residenti più fortunati sono riusciti a far scappare i ladri grazie all’allarme della propria abitazione, all’abbaiare del cane o all’accensione delle luci nel momento del furto. Altri però, dopo essere tornati a casa, si sono trovati davanti al fatto già compiuto.

Il sindaco di Borgo Veneto, Michele Sigolotto, ha lanciato un appello ai cittadini: «Invito la popolazione, specie nelle ore serali, ad attuare accorgimenti di sicurezza: lasciare accesa qualche luce, chiudere a chiave i cancelli, togliere le chiavi dalle auto, limitando al minimo il rischio di intrusione». Sigolotto confida nell’ampio sistema di sorveglianza presente in paese, che già in altre occasioni ha sventato furti e permesso di risalire ai rapinatori.

Anche il sindaco di Ponso, Matteo Chiodin, allerta i residenti: «Avviso la cittadinanza di fare attenzione perché in questi giorni anche nel nostro Comune ci sono stati diversi furti. Particolare cura nel chiudere sempre porte, finestre e auto, non lasciare oggetti preziosi o denaro in posti facilmente accessibili, sono attenzioni che possono risultare utili. Invito a segnalare alle forze dell’ordine episodi ritenuti sospetti o inusuali». —



Video del giorno

Tamberi medagliato: "Cari padovani, cari veneti, un pezzetto è anche vostro"

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi