Un rondò sulla provinciale 70 Strada chiusa in due Comuni

Stop al traffico da martedì e per un mese per l’apertura dell’atteso cantiere L’opera sarà realizzata dalla Provincia e costerà 453 mila euro, espropri compresi

Giusy Andreoli / CAMPODARSEGO

Da martedì prossimo chiude totalmente al traffico per trenta giorni via Brenta, all’altezza dell’incrocio con la strada provinciale 70 del Molino che a Campodarsego prende il nome di via De Toni mentre a San Giorgio delle Pertiche si chiama via Praarie.


La chiusura è dovuta alla realizzazione della tanto attesa rotatoria su uno degli incroci più pericolosi del Graticolato. Le due municipalità, ognuno per la propria competenza territoriale, hanno emesso in contemporanea l’apposita ordinanza con le indicazioni per le deviazioni.

Per il comune di Campodarsego il tratto interessato dalla chiusura, con esclusione dei frontisti, va dall’incrocio con via De Toni per cento metri in direzione Sud, limitatamente alla corsia Est.

Qui il traffico dovrà incanalarsi sulle strade comunali via Baruchella e via Piovetta Salvi. Per San Giorgio delle Pertiche la chiusura, sempre escludendo i frontisti, interessa il tratto compreso dall’incrocio con via Praarie per cento metri in direzione sud, limitatamente alla corsia Ovest. Il che comporta la deviazione del traffico sulle strade comunali via Patachin, via J. F. Kennedy, via Giovanni da Cavino. Ci saranno tutte le indicazioni stradali, se ne farà carico la ditta che esegue i lavori. Va detto che via Brenta parte dal Terraglione e arriva fino a via Anconetta di San Giorgio delle Pertiche correndo in parallelo alla vecchia Strada del Santo, ad Ovest del Muson dei Sassi. Il diametro della nuova rotonda è di 41 metri ed è stato studiato appositamente per consentire l’inversione di marcia ai mezzi pesanti con rimorchio. Il costo dell’opera, che viene realizzata dalla Provincia di Padova, è di 453 mila euro, espropri compresi. Durante i lavori propedeutici Etra ha sostituito la condotta idrica obsoleta; inoltre sono stati interrati i cavi Enel e Tim ed è stato spostato l’allacciamento al gas di un privato.

«Siamo in dirittura di arrivo di un progetto del 2012 che mi sono ritrovato nel cassetto e dal 2017 ho iniziato l’iter per realizzarlo» dice l’assessore provinciale alla viabilità Marcello Bano «nel contempo come Provincia riusciamo anche a contribuire economicamente alla realizzazione della pista ciclopedonale che collegherà Cavino alla rotatoria per permettere ai cittadini di poter andare in sicurezza da Cavino a Campodarsego e viceversa». Attualmente la pista è già realtà in via De Toni in quanto il comune di Campodarsego nei mesi scorsi ha completato il tratto mancante, dal distributore al confine territoriale, e i lampioni saranno presto collegati all’illuminazione pubblica. Per quanto riguarda San Giorgio, il Comune ha già pronto il progetto della pista con l’allargamento della strada e sta attendendo il parere di compatibilità idraulica dal Consorzio di bonifica Acque Risorgive. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi