Contenuto riservato agli abbonati

Sanità, l’Usl 6 di Padova scommette sulle donne: Corti e Barbiero in squadra

Dopo il direttore sanitario Mariotto ecco le nuove nomine del dg Paolo Fortuna. L'esperta di cure intermedie ai servizi sociali, conferma per l’area amministrativa

PADOVA. Dopo Azienda ospedaliera e Iov, anche l’usl 6 Euganea completa la sua squadra: il direttore generale Paolo Fortuna ha fatto seguire alla nomina della scorsa settimana del direttore sanitario Aldo Mariotto, quella della nuova direttrice dei Servizi sociali, che sarà Maria Chiara Corti. E per la direzione amministrativa ha riconfermato Michela Barbiero.

Una squadra in perfetto equilibrio di genere: «Questi incarichi sono il riconoscimento di carriere molto prestigiose e articolate» la presentazione del dg Paolo Fortuna, «contraddistinte da professionalità e competenza gestionale, una nell’ambito socio-sanitario, l’altra nel filone amministrativo. Si va così a completare la nostra squadra strategica: le sfide in un momento storico così delicato certamente non mancano, e l’augurio di buon lavoro giunga a tutti e a ciascuno con particolare stima».

Maria Corti, 60 anni, nata a Reggio Emilia, specializzata in Reumatologia, dottorato di ricerca in Gerontologia e Geriatria e master in Epidemiologia delle malattie croniche all’Università Johns Hopkins di Baltimora, entrerà in servizio il 16 aprile.

Arriva dalla direzione dei Servizi Sociosanitari dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste. Precedentemente era stata direttrice di Distretto e dell’Unità Area Anziani nell’allora Usl 16 di Padova, per sette anni ha lavorato in Regione Veneto, occupandosi di cure intermedie e integrazione socio-sanitaria, oltre ad aver svolto attività di geriatra nei ospedali di Camposampiero e Cittadella. È stata responsabile del Programma nazionale Esiti Pne in Agenas e direttrice del Servizio Epidemiologico Regionale di Azienda Zero.

«Sono molto contenta di rientrare nella mia città e nell’Azienda sanitaria dove ho lavorato con molti colleghi che ora ritroverò. Raccolgo con entusiasmo la sfida di fronteggiare l’epidemia Covid e la sua prevenzione soprattutto» il commento di Maria Chiara Corti, «nelle fasce più vulnerabili della popolazione, tra cui gli anziani e i disabili».

Michela Barbiero, 54 anni, negli ultimi otto mesi era già direttrice amministrativa dell’Euganea, incarico che aveva precedentemente ricoperto in Azienda Zero. Prima ancora era stata direttrice amministrativa ad Arzignano e a Este Monselice.

Laureata in Scienze politiche a indirizzo economico, Barbiero ha poi seguito un corso di alta specializzazione in Management amministrativo e ha un master in Internal Auditing e attestati di Valutatore di sistemi di gestione della qualità e per l'accreditamento delle strutture sanitarie. —
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi