Contenuto riservato agli abbonati

Cittadella della scienza all'ex Macello, Padova ridisegna il Portello

Il progetto di recupero dello spazio che comprende la Cattedrale per un museo interattivo a uso e consumo dei bambini e delle famiglie. Passerella ciclopedonale per la Golena San Massimo

PADOVA. "Costellazione Portello", è il nome del secondo progetto presentato dal Comune per il bando ministeriale "Qualità dell'abitare" che finanzierà il disegno di recupero del quartiere fino a un massimo 15 milioni di euro. Il bando del governo prevede al massimo tre  progetti per un totale di 45 milioni:

VIDEO. Il degrado dell'area

Degrado, abbandono e decadenza: così muore l'ex Macello

Padova ha partecipato appunto con tre visioni strategiche, oltre a quella sull'Arcella c'è appunto il nuovo disegno del Portello. Che parte principalmente dalla grande area dell'ex Macello di via Cornaro, protagonista nei mesi scorsi di una disputa tra amministrazione e associazioni dopo lo sgombero della Clac per gli edifici pericolanti. Il progetto di recupero dello spazio vuole trasformarlo adesso in una vera e propria "Cittadella della Scienza" ad uso e consumo dei bambini e delle famiglie.

E d'altronde nell'area esiste già il Planetario, visitato in epoca pre-Covid da 35 mila persone all'anno. L'idea, realizzata dall'assessore alla cultura Andrea Colasio con il gruppo "Pleiadi", è quella di un museo interattivo per i bambini che sarà ospitato nel grande spazio della Cattedrale.

VIDEO. La Cattedrale come spazio espositivo

Il fotogiornalismo all'ex Macello di Padova, 12 mostre spettacolari

Ma non solo: sarà recuperata anche la grande collezione informatica di Francesco Piva che conta circa 3 mila pezzi. In questo modo, nel capannone ovini e in quello bovini dell'ex macello completamente ristrutturati, potrà trovare posto anche un Museo dell'Informatica di livello nazionale.

Il progetto del Comune prevede anche per il quartiere una nuova passerella ciclo-pedonale tra via Ormaneto e la Golena San Massimo, per rendere maggiormente accessibile l'area. E poi la ristrutturazione e l'efficientamento energetico dei fabbricati Erp di via Stella, di via Marzolo, di via Vanzetti, di via Boscardin e via Carli. L'intero ridisegno del quartiere dovrebbe costare oltre 15 milioni di euro.

 

Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi