Padova, fuggì dopo aver investito un cliclista: preso il pirata della strada

Il luogo in cui avvenne l'incidente

E' un trentacinquenne che guidava a gran velocità con una patente non valida. E' stato rintracciato dalla polizia locale  grazie ai video delle telecamere di "Padova Città Sicura"

PADOVA. La sera del primo marzo l'investimento di un ciclista, quindi la fuga senza soccorrelo, ora l'identificazione da parte della polizia locale e la denuncia: nei guai un trentacinquenne che guidava un'auto non sua senza patente.

Nella serata di lunedì 1 marzo più pattuglie della polizia locale di Padova sono intervenute per i rilievi di un incidente stradale in cui è rimasto gravemente ferito un ciclista che verso le ore 22.15 percorreva via Vigonovese, verso Camin nei pressi del cimitero San Gregorio.

Il ciclista era stato investito da un'auto fuggita precipitosamente dopo l’incidente. L’uomo, rimasto a terra privo di sensi, è stato soccorso da altri automobilisti che non avevano assistito all'investimento ma che hanno subito chiamato il 118.

Il ciclista, marocchino di 66 anni, residente in città, è stato  trasportato al Pronto soccorso ericoverato in prognosi riservata a seguito delle gravità delle lesioni subite a seguito dell'impatto con l'auto che, dopo averlo travolto e caricato sul cofano, lo ha proiettato in aria e fatto ricadere a terra privo di sensi a circa 30 metri di distanza sulla corsia di marcia opposta.

Già durante la notte gli agenti della squadra Infortunistica stradale hanno avviato l'indagine per arriva a  individuare il veicolo in fuga e identificarne il conducente che non aveva soccorso il ciclista investito.

Sono state acquisite tutte le registrazioni video del sistema “Padova Città Sicura” collocate lungo l'asse Stanga – Corrado – Vigonovese – Uruguay, ricreando il potenziale tragitto percorso dall'auto prima dell’incidente oltre alle possibili vie di fuga  ricercando le tracce della fuga anche presso i sistemi di videosorveglianza privata della zona.

Le ricerche si sono quindi concentrate su un'auto, una Audi Sw, sfrecciata, in orario compatibile con quello dell'investimento, a oltre 158 km/h lungo corso Kennedy in direzione PD Sud/Colli Euganei, registrazione video e velocità rilevata dal sistema “autovelox”.

Grazie alla collaborazione dei carabinieri di Montegrotto Terme l'auto è stata rintracciata nell'abitazione della proprietaria, una romena  resuidente a Torreglia. Era  ricoperta da un telo che nascondeva il parabrezza sfondato.  Si è poi arrivati al conducente datosi alla fuga, un trentacinquenne marocchino residente in provincia di Padova.

Il conducente, in possesso di patente marocchina ma non valida per la guida in Italia, è stato sanzionato e denunciato a piede libero per una lunga serie di illeciti tra cui essersi dato alla fuga dopo l'incidente, omissione di soccorso al ferito, lesioni gravissime cagionate al ciclista, guida senza patente e ulteriori 1100 euro per la velocità di oltre 60 km/h rispetto al limite esistente, in orario serale.

L'auto condotta è stata sottoposta a sequestro penale.

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi