Contenuto riservato agli abbonati

L’Arcella diventa il tempio dei murales a Padova: la street art rilancia il quartiere

Cambia volto la zona più difficile della città. Grazie ai graffitari e ai progetti del Comune. Il nostro videoreportage e il racconto della rinascita a colori con gli artisti e le voci del quartiere

PADOVA. Un’esplosione di culture, profumi, mondi, ma soprattutto di colori: la tavolozza dell’Arcella, senza dubbio il quartiere meno noioso di Padova, sembra non avere confini.

Divisa dal centro città da un ponte (Cavalcavia Borgomagno), utilizza muri per unire le diverse realtà che le appartengono. Da Liberi di volare, il murales di 21 metri con cui Tony Gallo ha fatto prendere vita al Silos di via Annibale Da Bassano, a Illuminami, un messaggio di accoglienza di ben 400 metri quadrati di superficie realizzato da Acme107 e SteReal in via Pierobon, al Sant’Antonio tanto chiacchierato di Evyrein in via Lombardo, all’Albero della Vita di FreakofNature in via Piacentino, a In loro futuro di la.fe.de.22

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Natale a Padova: il mapping sulle facciate del Duomo e di Santa Giustina

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi