Contenuto riservato agli abbonati

Padova, plateatici con tavoli da 12 posti. Multati due locali nelle piazze

Una sola sanzione per assembramenti e assenza di mascherine in piazza Erbe. Ma l’Isola Memmia chiusa ha spinto gli adolescenti verso l’area del Duomo

PADOVA. Una multa a una persona senza mascherina in piazza delle Erbe e due locali sanzionati nelle piazze per aver preparato nel plateatico tavoli da 12 posti. Il primo sabato di centro militarizzato per evitare assembramenti dei giovani va in archivio con un bilancio ancora tutto da decifrare. La chiusura dell’Isola Memmia ha prodotto come effetto che la massa di adolescenti si è riversata tra piazza Duomo e la fermata Tito Livio, altri due punti di riferimento per i giovani.

Le istituzioni volevano dare un segnale forte, dopo gli assembramenti segnalati sabato della scorsa settimana in Prato della Valle. La soluzione del problema, sebbene si tratti di una questione sociale, è stata affidata alle forze dell’ordine che hanno agito in base ai principi dell’ordine pubblico.

Oltre alle transenne per chiudere l’Isola Memmia, agenti e militari si sono posizionati in via Roma (all’altezza della chiesa dei Servi), in piazza Duomo e in via dietro Duomo. Una presenza che, nei piani, doveva fare da deterrente.

I ragazzi si sono però radunati nell’altro spazio ampio dove si trovano abitualmente, oltre a Prato della Valle: piazza Duomo. Sia la polizia che i carabinieri sono intervenuti più volte per evitare che si creassero assembramenti.

«Ma è come svuotare il mare con un secchiello», confida un agente della polizia municipale. «Per lo meno non ci sono state intemperanze», commenta il questore Isabella Fusiello, che sabato ha seguito costantemente l’evoluzione della situazione, in contatto con il personale sul territorio.

Dal punto di vista delle sanzioni, è stata preferita la linea morbida. Di fronte ai due bar che avevano apparecchiato tavolini da 12 posti però, in quel caso la polizia ha dovuto procedere.

I vigili urbani, in serata, hanno multato un locale etnico in via Jacopo da Montagnana, perché all’interno c’era gente senza mascherina. —


 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi