Contenuto riservato agli abbonati

I nonni che sognano un abbraccio si vaccinano in Fiera. «Finalmente la cose cambieranno»

Le vaccinazioni in Fiera

Lunedì a Padova il via all’ultima settimana di somministrazione per la classe 1941  

PADOVA. È iniziata lunedì nel padiglione 6 della Fiera la seconda tranche della campagna vaccinale degli ottantenni. I primi 3 mila sono stati vaccinati la settimana scorsa, ora è la volta dei restanti 3 mila. L’obbiettivo coprire entro la fine della settimana tutti i 6 mila anziani classe 1941 del territorio.

L’entusiasmo degli ottantenni in procinto di fare la prima dose di vaccino era palpabile. Molti sono arrivati ben prima dell’appuntamento, ma nessuno ha protestato per l’attesa. Ognuno ha atteso in ordine il proprio turno e anzi tanti hanno espresso commenti positivi relativamente all’organizzazione.

«Sono molto organizzati e gentili» ha detto Antonio Colonna, ex pizzaiolo di Cadoneghe, mentre insieme alla moglie, anche lei 1941 - «ma di 40 giorni più vecchia di me» - aspettava i 15 minuti canonici dopo la somministrazione.

«Sono emozionato. Adesso penso che le cose cambieranno. Ero abituato a camminare, quest’anno a causa del Covid sono stato molto più in casa. E poi spero di vedere di più i miei cinque nipoti». I nipoti sono il primo pensiero di molti ottantenni. Il vaccino vuol dire per loro poterli finalmente riabbracciare.

«Quest’anno ho visto poco i miei figli e pochissimo quella che vive in Friuli, e lo stesso i miei nipoti. Sempre a distanza e con la mascherina. Loro sono molto attenti. Quando vengono da me non se la tolgono un attimo per tutelarmi», racconta Germana Fassina, che abita in centro «sono contenta di avere fatto il vaccino, non vedevo l’ora. Sono casalinga ma non posso negare che nell’ultimo anno la mia vita sia cambiata a causa del Covid. Come tutti anch’io sono uscita molto meno».

Lina Cattelan, arrivata da Vigodarzere accompagnata dal figlio, racconta invece come sia stanca del clima che si è creato allontanando le persone: «C’è troppa paura. Spero che grazie al vaccino questo virus se ne vada e con lui anche questo timore diffuso» dice «ho continuato a vedere i miei figli e i miei nipoti, ma sono uscita di casa solo per fare la spesa e sempre prendendo tutte le precauzioni». —
 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi