Scritte naziste in città, perquisiti due ragazzi padovani: trovate ampie prove

Parte del materiale sequestrato

Nelle loro abitazioni sequestrato il saggio di Hitler "Mein kampf" e una piantina dove erano indicate a penna le ubicazioni di alcune telecamere comunali e  alcune scuole. Oltre ai vestiti usati

PADOVA. Martedì mattina agenti della Polizia hanno eseguito delle perquisizioni locali e personali, disposte dal pm Zito della procura, nei confronti di due giovani padovani, un ventiseienne e un ventisettenne autori di scritte di stampo neo-nazista effettuate lo scorso 2 ottobre in centro a Padova.

In quella circostanza personale della Digos ha rinvenuto l’imbrattamento delle mura del parco comunale “Cavalleggeri” con scritte realizzate con vernice spray, riproducenti le frasi “Pedro merda - zecche", Comunisti al muro, 1488 e i simboli “1488”, della “Croce celtica cerchiata”, una “Stella di David” e una una “Wolfsangel" nonché scritte dello stesso tenore effettuate all'istituto Tecnico Commerciale Statale e per il Turismo “L. Einaudi”, riportanti la dicitura “Anrifa merda - Comune merda” e “Comunisti a morte”.

Le indagini della Digos hanno permesso di acquisire importanti riscontri investigativi sulla presenza dei due giovani sia presso il parco pubblico sia presso l’istituto scolastico anche grazie all’aiuto delle immagini di videosorveglianza cittadina.

Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati i capi di abbigliamento indossati dai due durante gli imbrattamenti nonché materiale d’area. In particolare sono stati rinvenuti numerosi adesivi riportanti la dicitura “Islamisti non benvenuti - Generazione Identitaria “, manifesti del gruppo “Legio Europae” riportanti la scritta “Popoli d’Europa Uniti” ed inoltre ad uno dei due è stato sequestrato il Mein kampf, a cui evidentemente il giovane si ispirava ed una piantina di Padova sulle quali erano indicate a penna le ubicazioni di alcune telecamere comunali e di istituti scolatici dove effettuare le proprie iniziative di propaganda.

L’attività d’indagine odierna assume particolare rilievo in quanto va ad inserirsi in un più ampio contesto investigativo volto a monitorare e perseguire fenomeni riconducibili a gruppi o singoli appartenenti all’estrema destra suprematista, xenofoba e di ispirazione neo-nazista.

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi