Con l’auto nel Bacchiglione due ventenni si salvano a nuoto

Operai di Rosolina, soccorsi da un residente dopo il bagno nell’acqua gelida La Fiesta andava troppo veloce: multa e 10 punti tolti dalla patente del guidatore

PONTELONGO

Riescono a salvarsi a nuoto, dopo essere finiti con la loro auto nelle gelide acque del fiume Bacchiglione. È accaduto ieri mattina, poco dopo le 6. 30, in via San Valentino, in località Terranova. Una brutta disavventura dal finale fortunatamente positivo per due operai.


operai

Due ventunenni residenti a Rosolina, C.D. originario di Salerno e Z. A. di Rovigo, hanno perso il controllo della loro Ford Fiesta che, ribaltandosi lungo l’argine, è finita nel letto del fiume. I due erano diretti a Due Carrare, nella ditta di cablaggi per la quale lavorano. I ragazzi, prima il trasportato e poi il conducente, con le proprie forze sono riusciti a uscire dall’abitacolo e, a nuoto, mettersi in salvo. Un residente, sentito l’anomalo rumore provenire dalla strada, si è recato sull’argine e non ha esitato ad aiutare i ragazzi a risalire in strada, offrendo poi loro ospitalità in casa visto che rischiavano l’assideramento.

choc

Sul posto sono quindi intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della Polstrada di Piove di Sacco coordinati dal vice questore Gianfranco Martorano, che hanno effettuato i rilievi. Un’uscita di strada che poteva trasformarsi in una vera e tragedia. Ristabilitasi dallo choc dell’evento, la coppia di operai è ritornata sul luogo dell’incidente, mettendosi a disposizione delle autorità. La Ford Fiesta è uscita di strada per l’alta velocità con la quale stava percorrendo il tratto arginale dove vige il limite dei 30 km/h.

In corrispondenza di una semicurva, complice anche il manto scivoloso, la macchina è diventata incontrollabile. Patentato da pochi mesi, il conducente è stato multato quindi per eccesso di velocità e si è visto decurtare dieci punti dalla patente. Sani e salvi, sono stati poi portati in ospedale per accertamenti e presto dimessi.

recupero

I pompieri hanno invece lavorato tutta la mattinata per recuperare il mezzo finito in acqua, con l’argine che è rimasto interdetto alla circolazione durante le operazioni che hanno richiesto l’utilizzo di una grande autogru. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi