"Serendipity", scoperte felici in galleria

Alla Vecchiato di Padova una collettiva per sognare il bello ed emozionarsi con l'arte

PADOVA. Una vetrina piena di luce che si affaccia su via Dondi Dall’Orologio è il biglietto da visita della galleria Vecchiato Arte, che in questi mesi di restrizioni ha continuato ad ospitare artisti e mostre. Un segnale deciso a favore del mondo artistico e della cultura.

Dopo le opere in legno di Christian Verginer, ora lo spazio ha scelto di fare da cornice alla collettiva “Serendipity”. “L’imprevedibilità di una scoperta felice, di una sensazione inaspettata, una casualità,  mentre siamo alla ricerca di qualcos’altro, l’inatteso si fa avanti e ci lascia piacevolmente colpiti", spiega la curatrice Alice Baldan,  "Nasce così questa mostra collettiva, dall’incontro con opere d’arte di artisti che ci hanno trasmesso quest’emozione e vogliamo riproporle in questo momento, in cui forse solo l’arte può avvicinarci a qualcosa di inaspettatamente bello e dimostrarci che esiste ancora una nuova prospettiva di positività”.

La mostra ospita opere di Matteo Peducci alias Affiliati, conosciuto per l’elettroscultura; i ritratti accennati di Angelo Bordiga, quelli sfumati di Eliana Matinari o le tavole che svelano la psiche attraverso le figure di Giuseppe Inglese. Poi le sculture dall’anima musicale che ricordano i grandi maestri come Michelangelo ed il Bernini ma con un tocco rock di Corrado Marchese; i soggetti urbani e intensi di Mariarosaria Stigliano, senza dimenticare le sculture in legno che ricordano l’infanzia e la purezza di Christian Verginer, quelle in bronzo o resina del portoghese Rogerio Timoteo, o i busti e le forme classiche rese uniche da Marek Zyga.

La mostra di Vecchiato Arte di via Dondi dall’Orologio si può visitare fino al 20 febbraio, dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 19.30, sabato dalle 10.30 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30.

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi