Contenuto riservato agli abbonati

Muore nel frontale con un furgone, chi era la vittima dell'incidente di Resana

La vittima era a bordo di una Smart, quando si è scontrata frontalmente con un furgone che proveniva dalla direzione opposta. L'incidente è avvenuto nella serata di venerdì 22 gennaio a Resana

RESANA (TREVISO).Tragico incidente alle 19.40 di venerdì 22 gennai olungo la strada regionale 348 a Resana, all’altezza del distributore Bianchi: nello scontro tra una Smart ed un furgone ha perso la vita Andrea Rettore, di 46 anni, conducente dell’utilitaria, carrozziere a Borgoricco.

È stato uno schianto frontale tra la piccola auto e il furgone e nel violentissimo impatto il muso della Smart si è accartocciato, imprigionando nell’abitacolo il conducente e provocandogli lesioni mortali. 

STRADA VISCIDA
 
Pioveva ieri sera lungo la strada del Santo, il furgone adibito alla raccolta a domicilio di materiali e la Smart di color blu viaggiavano in direzioni opposte. All’altezza del distributore, forse per un sorpasso azzardato o per una perdita del controllo da parte di uno dei due conducenti a causa dell’asfalto viscido per la pioggia, i due veicoli si sono scontrati frontalmente. È stato un impatto violentissimo, i due mezzi si sono in pratica incastrati l’uno sull’altro fermandosi poi trasversalmente giusto in mezzo alla carreggiata. Gli automobilisti che stavano transitando in quel momento lungo quel tratto della regionale 348 hanno subito dato l’allarme. Sul luogo dell’incidente sono accorsi l’ambulanza inviata dal Suem, una squadra dei vigili del fuoco di Castelfranco e una pattuglia della polstrada. 
 
 
Le drammatiche immagini dello schianto e dei soccorsi
 

Scontro tra furgone e auto a Resana sotto la pioggia, il video

 
I SOCCORSI
 
Subito i sanitari hanno cercato di soccorrere il conducente della piccola Smart che era rimasto incastrato nell’abitacolo, hanno provato a rianimarlo ma ormai non c’era nulla da fare: le lesioni gravissime che aveva riportato nello scontro gli erano state fatali e non è rimasto che attendere l’arrivo dell’autobara per recuperare il corpo e trasferirlo in obitorio dopo il nulla osta da parte del magistrato. Come sono arrivati sul posto i mezzi di soccorso, la strada del Santo è stata chiusa al traffico per consentire prima i tentativi di soccorso del 45enne, poi i rilievi da parte degli agenti della polstrada ed è stata riaperta al traffico in tarda serata. 
i rilievi
 
Gli agenti della polstrada hanno lavorato a lungo per cercare di ricostruire la dinamica del tragico scontro dal momento che la posizione dei due veicoli non lasciava capire quale dei due avesse invaso l’altra corsia, hanno ascoltato la testimonianza del conducente del furgone e automobilisti. —
 

 

Le drammatiche immagini dello schianto e dei soccorsi

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi