Demolite due abitazioni per eliminare l’incrocio maledetto

TREBASELEGHE

Sono state demolite le due vecchie abitazioni sulla SP44, all’incrocio tra via Sant’Ambrogio, via Scandolara e via Levada nella frazione di Sant’Ambrogio, teatro di numerosi incidenti anche gravissimi. È il primo passo per la realizzazione della rotatoria che sostituirà il semaforo e che ha contemplato cinque espropri, risolti tutti in via bonaria.


L’incrocio di via Sant’Ambrogio ha la triste fama di punto nero della viabilità comunale e provinciale, quello dove accade il maggior numero di incidenti stradali. Si è sempre cercato di capirne i motivi. Intanto il quadrivio è una specie di croce sbilenca, un autoarticolato che arriva da nord verso ovest ha seri problemi di svolta e deve affrontarla allargandosi invadendo l’altra corsia. Ci sono poi problemi di interpretazione delle precedenze per cui chi arriva da Levada pensa di avere la precedenza, invece deve darla. A questo si aggiungono problemi sul semaforo per il sole che qualche volta gioca brutti scherzi da chi proviene da est e da ovest e quando è basso illumina il verde mentre invece è rosso. La rotatoria, pronta entro l’anno, eliminerà la brutta fama di queste due strade provinciali che s’incrociano. Il costo dell’opera è di 850 mila euro, compreso un contributo di 200 mila della Provincia di Padova. E dire che la si poteva fare nel 2009 con “appena” 500 mila euro, tutti pagati dalla Provincia. Ma il progetto è sfumato. Adesso si fa su serio. —

G. A.

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi