Contenuto riservato agli abbonati

E’ morto a 91 anni per il Covid monsignor Oscar Rizzato, già elemosiniere di papa Giovanni Paolo II

Monsignor Oscar Rizzato con il papa emerito Ratzinger, Benedetto sedicesimo

Chiamato nella Santa Sede nel 1961, era partito come addetto d’archivio della Segreteria di Stato e aiutante di studio della Segreteria delle Lettere latine

ARSEGO. E’ morto a 91 anni monsignor Oscar Rizzato, già elemosiniere di papa Giovanni Paolo II. Dal febbraio 2019 era ospite dell’Opera della Provvidenza di Sarmeola: le conseguenze del Covid-19 hanno richiesto il ricovero all’ospedale di Padova, dove la morte lo ha raggiunto lunedì scorso.

Nativo di Arsego, frazione di San Giorgio delle Pertiche, era stato ordinato dal vescovo Girolamo Bortignon nel 1954. E’ stato vicerettore e insegnante nel Seminario Minore presso il Collegio Vescovile di Thiene, quindi religioso e insegnante di religione al Configliachi di Padova.

Chiamato nella Santa Sede nel 1961, era partito come Addetto d’archivio della Segreteria di Stato e aiutante di studio della Segreteria delle Lettere latine. Nel 1976 ha ricevuto il titolo di Prelato d’onore di Sua Santità e nello stesso anno ha preso l’incarico dell’assistenza spirituale del personale dell’autoparco dello Stato della Città del Vaticano. Nel 1983 è quindi diventato Capo ufficio della Segreteria di Stato, l’anno dopo assessore per gli Affari generali della Segreteria di Stato. Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo di Viruno ed elemosiniere di sua Santità il 23 dicembre 1989, conferendogli l’ordinazione episcopale il 6 gennaio 1990 nella Basilica di San Pietro.

A partire dal 1990, il vescovo Oscar ha diretto come elemosiniere l’Ufficio della carità del Santo Padre. L’Elemosineria è l'ufficio della Santa Sede che ha il compito di esercitare la carità verso i poveri a nome del papa.

Monsignor Rizzato, tra le altre cose, ha gestito anche la concessione delle benedizioni apostoliche mediante rescritto su pergamena. Il vescovo Oscar, come membro della Famiglia pontificia, partecipava sempre alle celebrazioni pontificie, fino al 15 settembre 2007, allorché per limiti di età è diventato elemosiniere pontificio emerito.

Il 18 novembre 1988, su iniziativa del Presidente della Repubblica, aveva ricevuto l’onorificenza di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il funerale, presieduto dal vescovo Claudio Cipolla, sarà sabato prossimo alle 10 nella chiesa parrocchiale di Arsego.

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi