A Padova diciotto decessi e 677 nuovi positivi: «I ricoverati sono sempre più giovani»

In Azienda Ospedaliera un 31enne colpito da grave polmonite. Superati i 50 mila contagi in provincia da inizio pandemia

PADOVA. Se sia ancora la seconda ondata della pandemia o l’inizio della terza, poco importa. Il dato di rilievo che sta emergendo in queste ore è che sta riprendendo il trend in salita dei ricoveri di malati Covid. «Da un paio di giorni i segnali vanno in questa direzione» conferma la direttrice di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliera universitaria di Padova Annamaria Cattelan, «dopo un periodo in cui si erano liberati alcuni posti e sembrava ci fosse un rallentamento».

E c’è un altro dato che l’infettivologa rileva con preoccupazione: «In questi giorni vedo ricoveri di pazienti più giovani: ne abbiamo uno con polmonite grave di soli 31 anni, sottoposto a ossigenoterapia, ma non è l’unico under 45. È presto per dire se questa fase post-feste sarà caratterizzata da una diffusione del contagio con risvolti più seri sui giovani, ma non lo possiamo escludere. Al momento di certo c’è che il Covid non molla la presa».

Numericamente parlando, i 631 ricoverati con Covid di mercoledì - considerano tutti gli ospedali padovani - sono saliti ieri a 635: 94 in Terapia intensiva, 463 in area non critica a 78 in ospedale di comunità.


diciotto vittime

Sono invece 18 i decessi registrati nelle ultime ventiquattro ore, per un totale da inizio pandemia di 1.020 vittime in provincia di Padova. Tra queste c’è Gianfranco Giraldo, 82 anni di Sant’Angelo, morto in ospedale a Piove . Visti i numerosi famigliari contagiati, il funerale non è ancora stato fissato. E ancora: Carlo Crema aveva 71 anni e da alcune settimane era ricoverato a Camposampiero. Ex allevatore di cavalli ora in pensione, viveva con la moglie a Megliadino San Fidenzio di Borgo Veneto.

A Schiavonia sono morte Filomena Gasparini, 70 anni di Solesino, e una 81enne di Padova. Sempre in quest’ospedale sono mancati due cittadini di Este, un 75enne e una 71enne. E poi Luciano Finesso, 79 anni di Terrassa Padovana: lascia tre figli e il funerale viene celebrato oggi alle 10.30.

A Cittadella, tra i decessi, anche una 93enne di San Giorgio in Bosco. Era infine ricoverato a San Donà di Piave Marino Marchesini, 70 anni, membro della comunità neocatecumenale a San Marco a Camposampiero.

case di riposo, ancora morti

Sale il bilancio delle vittime da Covid -19 nella struttura residenziale per anziani “Centro Servizi Camerini” di Piazzola sul Brenta. Ieri è mancata una donna di 87 anni, ricoverata all’ospedale di Cittadella: finora sono sette gli anziani che non ce l’hanno fatta a superare l’infezione della seconda ondata. Continua la scia di lutti (almeno dodici) anche alla Don Orione di Trebaseleghe: negli ultimi giorni sono morti una 82enne di Trebaseleghe e un 90enne.

i contagi oltre 50 mila

Ieri sono stati superati i 50 mila contagiati da inizio pandemia tra Padova e provincia: i 677 nuovi contagi dell’ultima giornata portano il totale a 50.632. Gli attuali positivi sono 21.425, 73 in più rispetto al giorno prima grazie ai 586 cittadini che si sono negativizzati in un giorno. —

nicola cesaro

elena livieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Malore in spiaggia a Bibione, ecco l'arrivo dei soccorsi con l'elicottero

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi