Delitto Samira, processo al via Il marito accusato cambia legali

Mohamed Barbri, il presunto omicida, ha interrotto il rapporto con Daniele Pizzi I difensori ora sono Angeletti e Zacheo, volti noti della cronaca nera italiana

stanghella

Colpo di scena a pochi giorni dall’avvio del processo: Mohamed Barbri, accusato di aver ucciso la moglie Samira El Attar, ha nominato due nuovi legali. Termina così il rapporto tra il presunto omicida e l’avvocato Daniele Pizzi, cominciato il 15 novembre 2019, a pochi giorni dalla scomparsa della donna.




Alle porte dell’inizio del processo, la cui prima udienza è fissata per il 29 gennaio 2021 presso la Corte D’Assise di Rovigo, Mohamed Barbri di Stanghella, accusato di omicidio e soppressione di cadavere della moglie Samira e oggi rinchiuso in carcere a Rovigo, ha nominato due nuovi legali ed una criminologa. La scelta è ricaduta su due avvocati noti nel panorama dei principali casi di cronaca nera italiana, Riziero Angeletti e Francesco Zacheo, che assistono – tra gli altri – Padre Graziano e il papà di Noemi Durini. Il primo è il sacerdote congolese attualmente detenuto a Rebibbia, condannato in via definitiva per aver ucciso nell’Aretino, nel 2014, Guerrina Piscaglia e averne fatto sparire il corpo; il secondo è il padre della sedicenne leccese uccisa il 3 settembre del 2017 dal fidanzato, il cui corpo era stato occultato sotto a un cumulo di pietre in aperta campagna. Le affinità con il caso di Samira - il marito è appunto accusato anche di occultamento di cadavere - non mancano. Gli avvocati Zacheo e Angeletti hanno poi nominato la dottoressa Anna Vagli, criminologa forense, già consulente tecnico di Antonio Logli (accusato dell’omicidio della moglie Roberta Ragusa) e degli zii paterni di Evan Lo Piccolo, morto nell’agosto 2019 a soli 21 mesi, ucciso dalle botte del compagno della madre. Stando ad indiscrezioni, la Vagli non sarà l’unico consulente nominato dal pool difensivo di Barbri.



I nuovi legali condividono con Pizzi, che ha seguito Barbri fino alla settimana scorsa, una evidente “visibilità mediatica”, visto che l’ormai ex avvocato di Barbri era già stato legale di personaggi come Juliana Moreira ed Edoardo Stoppa, spesso ospite di trasmissioni come “Porta a Porta” e “Quarto Grado”. Il processo che si va aprendo tra meno di un mese, dunque, promette di raccogliere l’attenzione dei media nazionali. Mohamed Barbri, 49 anni, si professa innocente. Nel frattempo ha perso la patria potestà sulla figlia. Il corpo di Samira El Attar, 43 anni, non si trova dal 21 ottobre 2019. —



Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi