Guida contromano, provoca un incidente e aggredisce l’altra autista

Conselve, 56enne prende a schiaffi e getta in terra la giovane donna. Si calma soltanto all’arrivo dei carabinieri e viene denunciato 

CONSELVE. Un banale incidente anziché risolversi con la classica constatazione amichevole sfocia in una violenta aggressione a suon di schiaffi e spintoni: vittima una trentaquattrenne di Terrassa che ha sporto denuncia nei confronti di un 56enne di Montegrotto.

Ai carabinieri di Bovolenta la giovane donna ha raccontato che lo scorso 2 dicembre, mentre stava uscendo dal parcheggio dei Bai-Li Market in via Seconda Strada in zona industriale, è stata urtata da un’Alfa Romeo che aveva cercato di immettersi contromano. A quel punto l’automobilista ha reagito con violenza: «Una vera e propria furia umana», ha raccontato la vittima ai carabinieri.

«Ero scesa per verificare i danni e poiché era stato danneggiato il fanale e strisciato il paraurti anteriore avevo telefonato ai carabinieri per riferire l’accaduto e chiedere indicazioni e assistenza, come si è soliti agire in tali circostanze. Non l’avessi mai fatto: appena l’altro automobilista ha sentito che avevo chiamato il 112 si è scatenatomi e mi è saltato addosso. Mi ha assestato un paio di ceffoni, strattonata con violenza e sospinta a terra. Mi sono rialzata a fatica, terrorizzata, e mi sono rinchiusa a chiave in auto mentre l’uomo si accaniva sulla carrozzeria con calci e pugni, provocando altri danni».


Provvidenziale a quel punto l’attivo dei carabinieri di Tribano che, a fatica, hanno calmato l’uomo, mentre gli agenti della polizia locale dell’Unione del Conselvano si sono occupati delle pratiche. La vittima si è rivolta al Pronto soccorso, dal quale è stata dimessa con una settimana di prognosi per contusioni e contrattura dei muscoli cervicali e dorsali.

A quel punto attraverso la consulente legale Alessia Paccagnella, la donna si è rivolta allo Studio3A-Valore, specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, e come primo passo ha presentato una denuncia querela nei confronti del 56enne per percosse e danneggiamento, raccontando nel dettaglio l’esperienza da incubo vissuta quella sera, che oltre ai danni materiali ha avuto un pesante contraccolpo sia sul piano fisico che morale. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Natale a Padova: il mapping sulle facciate del Duomo e di Santa Giustina

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi