Maltempo a Padova:sul Brenta per un selfie con la piena il sindaco chiude la strada

Il sindaco di Fontaniva costretto a bloccare la via. Allagata la golena, sommersa la centrale idroelettrica di Carturo

FONTANIVA. Il Brenta cresce, la corrente travolge e trascina i cassonetti delle aree attrezzate per le feste in golena, ma – al momento – la situazione è sotto controllo anche se il sindaco deve intervenire per impedire ai curiosi della piena di avvicinarsi troppo all’acqua. La Protezione Civile di Fontaniva, supportata dalle squadre del distretto del cittadellese, ha trascorso le ultime due notti appena trascorse a monitorare il fiume, cercando di capire l’evolversi della situazione. Una misura di precauzione affrontata – fortunatamente – senza un eccessivo allarme.

Con gli uomini in divisa gialla è sempre stato in contatto il sindaco di Fontaniva Edoardo Pitton, che ieri ha fatto chiudere via delle Zattere: troppi i curiosi che andavano a vedere la piena per scattare foto da condividere. Le immagini avranno anche un loro fascino, ma prima di tutto viene la sicurezza e l’incolumità rispetto a selfie ad alto rischio.

«L’area di Brenta Viva è allagata», osserva il primo cittadino, «ma si tratta di un fenomeno pressoché normale. Ho però dovuto chiudere via delle Zattere a partire dalle 15. 30 di ieri: troppi automobilisti erano incuriositi dalla situazione dell’acqua e si avvicinavano, mettendosi in pericolo solo per il gusto di scattare qualche foto».

Il monitoraggio è costante: «La nostra Protezione Civile, aiutata dal distretto di Cittadella, si sta muovendo con giri di ricognizione fra il confine con Carmignano e la frazione di San Giorgio in Brenta. Non registriamo allagamenti delle strade o altre difficoltà, quindi al momento le precipitazioni stanno scaricando bene. In ogni caso a Fontaniva il Brenta ha un letto maggiore, quindi riesce ad espandersi; chiaramente si va più in difficoltà dal ponte di Carturo a quello di Curtarolo».

Il livello dell’acqua è salito fortemente proprio in coincidenza dell’attraversamento del fiume tra il territorio di San Giorgio in Bosco e quello di Piazzola, con la centrale idroelettrica di Carturo finita sommersa. Tra Carmignano e Fontaniva nella serata di ieri è finita allagata anche l’area verde in coincidenza di Ceo Pajaro. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi