Abano Terme, il secolo di  Aldo Lazzaro: a vent’anni la guerra, a cento la pandemia

Bersagliere in Libia e sino al ’46 prigioniero, percorse 1400 km nel deserto con il vento del Ghibli che gli andava contro


ABANO TERME. Aveva solo vent’anni quando venne reclutato nel 9° Reggimento Bersaglieri della Divisione Trieste. Aldo Lazzaro pochi giorni fa ha compiuto 100 anni.

La sua gioventù è stata segnata dalla guerra, dai combattimenti oltremare, che racconta ancora con orgoglio e coraggio ai nipoti. Era il 10 giugno 1940. Allo scoppio della guerra, Aldo si trovò a combattere sul confine con la Francia. Come lui stesso racconta, nonostante fosse giugno c'era la neve e lui, come i suoi compagni, indossava divise leggere.


Fu una doppia lotta: contro il nemico e contro il freddo. Un anno più tardi Alzo Lazzaro partì dal porto di Napoli a bordo della nave Neptunia alla volta dell’Africa.

Dopo essere sbarcato a Tripoli, lui e il suo plotone attraversarono il deserto: «Ci raccontò che percorse circa 1400 km con il vento Ghibli che gli andava contro, praticamente senza acqua e quella poca che aveva era sporca», le parole della nipote Elisa.

Poi fu la volta della Libia, a Tobruk, poi di El Alamein in Egitto, le drammatiche tappe cui l'esercito italiano andò incontro: «Fu una delle esperienze più difficili, perché dovette combattere anche contro le pulci e la dissenteria e perse l'uso di un timpano», racconta la nipote.

Il 5 novembre del 1942 fu fatto prigioniero dagli inglesi. Furono quattro lunghi anni di prigionia, fino al 5 luglio del '46, quando finalmente poté ritornare in patria.

«Negli anni di guerra non ha mai smesso di mandare foto e cartoline alla mamma», continua Elisa. «Lui si ricorda ogni cosa con lucidità sorprendente».

Lazzaro è stato insignito di due croci al merito di guerra, medaglia reggimentale, e tre stellette per la campagna di Libia. ––


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi