Contenuto riservato agli abbonati

Padova, penna da Guinness dei primati per scrivere un futuro migliore

L'iniziativa di quattro amici: Andrea Schiavolin, Davide Barison, Davide Zanella e Francesco “Sone” Gasparin hanno realizzato l’opera per ringraziare medici, infermieri, volontari e alpini

POLVERARA. Una maxi penna da record, realizzata in un tempo fuori dall’ordinario, per vincere la sfida della pandemia e “scrivere un futuro migliore”. L’idea è di quattro ragazzi padovani, dai 21 ai 24 anni, che hanno dedicato il loro tempo libero e i fine settimana a costruire un penna, lunga 7 metri e 43 centimetri, per un diametro di 70 centimetri e 350 chilogrammi di peso, peraltro funzionante, e farne il veicolo di un messaggio di speranza e di incoraggiamento, soprattutto per i loro coetanei.

Materiali di riciclo



Hanno impiegato quasi esclusivamente materiali di riciclo, in particolare legno e metallo, quindi hanno decorato il rivestimento con una rivisitazione in chiave Covid della “Creazione di Adamo”, il celeberrimo affresco di Michelangelo sul soffitto della Cappella Sistina. Sia Dio che Adamo indossano la mascherina e sono separati da un blocco centrale contornato, con due guanti circondati dal virus. «Questo elemento al tempo stesso unisce e divide i due soggetti», racconta Francesco Gasparin, in arte “Sone”, tautaore e street artist, titolare del “Santi e Peccatori Tatoo Studio” a Padova. «Accanto a Dio, all’estremità superiore della penna, vi sono i protagonisti della lotta al coronavirus: medici, infermieri, volontari della protezione civile e alpini, che hanno costruito un ospedale da campo. Dall’altra, alle spalle di Abramo, ci sono due bambini, che non sono più distanziati e corrono tenendosi per mano, gettando le mascherine. Tocca a loro scrivere il prossimo futuro prospero».

Opera particolare

La penna ha preso forma nel capannone de “Gli Amici del legno” a Polverara con il titolare Andrea Schiavolin, il tecnico e ciclista Davide Barison, i dipinti di Gasparin e il supporto di Davide Zanella per i video e le foto. «Ancora a febbraio ci eravamo posti l’obiettivo di realizzare insieme qualcosa di importante», raccontano i quattro amici, «poi il lockdown e la pandemia ci hanno indirizzato verso quest’opera così particolare, nella speranza che possa tornare utile, destinando in beneficenza il ricavato di una eventuale vendita».

gli applausi di zaia

Intanto l’iniziativa, presentata con un video diffuso via social, ha conquistato il plauso del governatore Luca Zaia che ha condiviso la frase incisa sulla maxi penna: «Ciò che farai in tutti i giorni che verranno dipende da quello che farai oggi. Pertanto, sii determinato, umile e volenteroso di fare, perché il futuro è nelle tue mani. A te questa penna per scrivere un futuro migliore». Dall’8 dicembre l’opera sarà di fronte al municipio di Legnaro, dove rimarrà esposta fino alla fine del mese. Intanto verrà candidata al Guinness World Record.—



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi