Superati i 500 morti da inizio pandemia nel Padovano

Sei nuove vittime in un giorno. Il bollettino segnala altri 588 positivi e un leggero aumento dei ricoverati, che sono 518

PADOVA. Sei morti (e si superano i 500 in provincia), 588 nuovi positivi, intensive stabili e un lieve aumento tra i ricoverati. È il bilancio che emerge dal bollettino di Azienda Zero diffuso sabato alle 17, che traccia l’andamento dell’epidemia di Covid-19 nella nostra provincia.

Sono sei nelle ultime ventiquattro ore, che portano a sfondare il mezzo migliaio di morti dal 21 febbraio: sono ora 501. Dopo Verona, Venezia e Treviso, la nostra è la quarta provincia veneta a oltrepassare questa cifra. A Schiavonia sono mancate Ivana Micucci, 90 enne di Abano Terme, e Laura Lucati, 80enne di Legnaro. A Piove di Sacco è invece morta una 70enne residente a Due Carrare, all’ospedale di comunità di Montagnana una donna di 72 anni di Sant’Angelo di Piove di Sacco.


In una giornata i tamponi hanno rilevato tra Padova e provincia altri 588 positivi. Da inizio pandemia, si è arrivati ormai a 26.970 contagiati. Gli attualmente positivi abbattono un’altra soglia, quella dei 15 mila padovani effettivamente positivi. A sabato pomeriggio, erano precisamente 15.289. Questo numero è il più alto tra le province venete. In un giorno vanno annotati anche 257 negativizzati.

La buona notizia è che le Terapie intensive padovane reggono e non crescono: i pazienti in area critica erano 70 venerdì e sono rimasti tali anche ieri. Sale invece il numero di quelli ricoverati in area non critica: da 385 a 389. Aumentano di poco pure i letti occupati negli ospedali di comunità: da 57 a 59. Comprendendo tutte le strutture, sono 518 i contagiati da Covid-19 ricoverati.

Nell’ultima giornata vanno segnalati i 5 nuovi pazienti entrati all’ospedale di Camposampiero (35 ricoverati totali) e il continuo crescere di quelli accolti dall’ospedale di comunità di Montagnana (21 letti occupati), la struttura intermedia più impegnata di tutta la provincia nonostante sia stata l’ultima ad essere avviata. —


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi