Ingegnere di 51 anni trovato senza vita in un alloggio in Istria

Galliera Veneta: Fernando Stocco si era recato in Croazia per lavoro. L’allarme lanciato dai familiari, disposta l’autopsia

GALLIERA VENETA. È stato trovato morto in un appartamento, in Istria, con ogni probabilità vittima di un fatale malore. Si è spento a soli 51 anni Fernando Stocco.

Ingegnere civile, esercitava la libera professione ed era originario di Galliera; da qualche tempo viveva a Rossano Veneto, nel Vicentino.


«Venerdì della scorsa settimana», racconta la sorella Sara, «mio fratello era partito per uno dei vuoi consueti viaggi di lavoro. Si è recato in Istria e sarebbe dovuto rientrare domenica». Il punto è che l’uomo non si è visto neppure lunedì, la famiglia ha pensato a dei contrattempi di lavoro – come capitava spesso – e quindi non si è eccessivamente allarmata. Ma non avendo più sue notizie, e trovando la cosa insolita, martedì ha iniziato a chiamarlo, con sempre maggiore insistenza. Il dramma è che le telefonate sono andate tutte a vuoto, senza alcuna risposta.

Non riuscendo a venirne a capo, si è tentata un’altra strada: «Abbiamo contattato un amico che vive lì chiedendo di andare a verificare le condizioni di salute di Fernando e quindi lui si è recato nell’appartamento in cui alloggiava. Ha suonato, non rispondeva nessuno, e allora è stata chiamata subito la polizia».

[[ge:gelocal:mattino-padova:padova:cronaca:1.39594168:Video:https://video.mattinopadova.gelocal.it/locale/in-volo-dell-ex-bronx-cio-che-rimane-ancora-per-poco-di-via-anelli/131305/131797]]

Le forze dell’ordine hanno forzato l’ingresso e sono entrate. L’uomo si trovava sul divano, il corpo era senza vita. I primi rilievi hanno analizzato la situazione: non c’erano segni di scasso alle porte o alle finestre, nessun elemento che potesse far pensare ad una irruzione. «Mercoledì sera, intorno alle 20.30», racconta la sorella, «abbiamo saputo che Fernando era venuto a mancare. Ora sul corpo verrà effettuata l’autopsia che dovrà spiegare le cause della morte, ma lui era sano come un pesce. Siamo sgomenti, è un fulmine a ciel sereno: stava bene, non soffriva di alcuna patologia».

La polizia sta svolgendo i necessari approfondimenti, ma al momento non c’è nulla che possa ricondurre all’azione di terzi, quindi – con ogni probabilità – il cuore si è fermato, all’improvviso. Non appena sarà eseguita l’autopsia verrà dato il nullaosta per il rimpatrio e la famiglia potrà così fissare la data del funerale. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi