Ergastolano di 38 anni si suicida in carcere a Padova

Tragedia al Due Palazzi, avrebbe inalato i gas di un fornelletto da cucina ma la madre non crede all'atto deliberato: disposta l'autopsia. Tre anni fa era evaso a Sassari

PADOVA. Un detenuto di 38 anni, Eder Marhila, è stato trovato morto nella sua cella di isolamento nel carcere Due Palazzi di Padova. Condannato all’ergastolo, è morto per aver inalato il gas di un fornello, di quelli utilizzati dai carcerati per cucinare. Lo conferma la Cgil Polizia Penitenziaria. Marhila, albanese, si trovava a Padova da qualche mese appena.

Già a Torino aveva tentato più volte il suicidio, sempre nel medesimo modo. Nel 2006, a Rimini, il 38enne investì cinque donne: una di queste, Ester Melucci di 89 anni, perse la vita. L’arresto del pirata della strada era avvenuto solo nel 2010. Era stato condannato a 30 anni dalla Corte d’Assise d’Appello di Bologna nel 2013, condanna divenuta ergastolo in terzo grado con la Cassazione.

Tre anni fa era evaso dal carcere di Sassari-Bancali, dov'era recluso per una condanna a 18 anni per cumulo pene per tentato omicidio, detenzione di armi, traffico di droga, rissa e altri reati: aveva approfittato di un permesso premio, ma era stato intercettato dopo un breve lasso di tempo. Alla tesi del suicidio non crede la madre del detenuto, che si è affidata a un legale e ha chiesto che un perito di parte sia presente all’autopsia che sarà effettuata nei prossimi giorni.

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi