Contenuto riservato agli abbonati

Gestione dei migranti a Padova: processo ai funzionari

Solo l’ex prefetto vicario Pasquale Aversa presente in aula. Oltre una decina di richiedenti asilo pronti a costituirsi parte civile

PADOVA. C’era solo lui in aula, seduto in prima fila, il volto serio e l’aria puntuta. Lui, il prefetto vicario Pasquale Aversa, in servizio a Padova fino all’agosto 2018 con l’incarico di seguire i problemi relativi all’accoglienza, pronto ad anticipare ispezioni a chi doveva essere controllato, a chiudere un occhio o anche due sul rapporto tra ospiti (fino a un migliaio) e operatori (poco più, se non meno, delle dita di una mano) nei centri padovani destinati a ospitare i migranti, quello di San Siro a Bagnoli e quello in centro storico a Padova nell’ex caserma Prandina ora area parcheggio.

Lui,

Video del giorno

Giro d'Italia 2022 a Treviso. Ecco dove arriverà lo sprint e il toto tappa

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi