La Bassa attende la piena dell'Adige: è prevista per le 2 di notte

Il livello dell'Adige a Boara Pisani alle 17.35 (foto di Massimiliano Chiovetto pubblicata su BPP Meteo - Bassa Pianura Padana)

Aperto il Coc ad Anguillara Veneta per il monitoraggio del fiume. La situazione è tuttavia sotto controllo

ANGUILLARA VENETA. Si attende anche nella Bassa padovana il passaggio della piena del fiume Adige. L’evento è previsto per le 2 di martedì notte. Per questo motivo ad Anguillara Veneta è stato aperto il Coc, il Centro Operativo Comunale, nello stabile delle ex scuole. Il passaggio della piena lungo i confini padovani continuerà poi per quasi tutta la giornata. 

La Protezione civile locale e quella del Conselvano hanno già attivato una serie di turni di 3 ore, per poter monitorare il livello del fiume e la presenza di eventuali fontanazzi. Nel Padovano, l’Adige tocca i Comuni di Merlara, Castelbaldo, Masi, Piacenza d’Adige, e poi Vighizzolo d’Este, Vescovana, Barbona, Vescovana, Boara Pisani e gli altri Comuni verso il Rodigino.

Lo stato del fiume alle 16 a Piacenza d'Adige (foto di Dèsirèe Luchin, pubblicata su BPP Meteo - Bassa Pianura Padana)

Dovrebbe tuttavia trattarsi di una piena contenuta. Lo stesso Consorzio di bonifica Adige Euganeo esclude criticità particolari. La situazione è dunque pienamente sotto controllo, anche se comunque l'Adige "gonfio" che corre verso il mare è uno spettacolo che inevitabilmente impressiona.

Preoccupa, in particolare, l'eventuale ondata di maltempo prevista per la serata di oggi, lunedì, che potrebbe inevitabilmente complicare anche il deflusso del fiume.

L'Adige e Lusia, ai confini col Padovano, alle 17.30 (foto di Simone Carovelli pubblicata su BPP Meteo - Bassa Pianura Padana)

A Verona è stata scongiurata l’esondazione, visto che il fiume ha toccato una massima di 1,66 metri, un valore decisamente inferiore a quello registrato nel 2018 quando toccò i due metri che costrinsero all’apertura della galleria Adige-Garda. Tutti i ponti della città scaligera sono rimasti aperti.

Intanto la Regione Veneto segnala la possibilità di disagi legati al maltempo fino alle 14 di domani, martedì 1 settembre. Il Centro funzionale decentrato della Protezione civile del Veneto indica possibili problemi al sistema di drenaggio urbano e lungo la rete idrografica minore. In merito all'Adige, la Regione indica anche il possibile superamento dei livelli idrometrici del fiume, tali da far scattare la seconda soglia di allerta. 

A questo linkdel Consorzio di bonifica Adige Euganeo è possibile seguire la crescita dei livelli idrometrici dell'Adige.

 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi