Rotatoria all’incrocio tra le due provinciali

MASSANZAGO

Una rotatoria all'incrocio tra provinciali 31 e 34 in centro per mettere in sicurezza l’intersezione a ridosso di villa Baglioni e della parrocchia di San Pio X. Il progetto di fattibilità è stato approvato nell’ultima seduta della giunta comunale, tenendo presente che nel rettilineo di fronte al municipio si tende a correre mentre in via Marconi gli incroci e gli attraversamenti pedonali sono numerosi e pericolosi. A ciò si aggiunge la difficoltà ad uscire da chi arriva da Fossalta e deve proseguire per Noale e un traffico notevole nelle ore di punta per la presenza di aree industriali e commerciali nelle aziende di produzioni vinicole di Fossalta e Trebaseleghe.


«Il progetto non compromette il sagrato della chiesa visto che viene rientrato solo leggermente il marciapiede est in un piccolo tratto aumentando però la fascia di rispetto a est della chiesa stessa dove le corsie di transito da due verrebbero ridotte a una», spiega il sindaco Stefano Scattolin. Il progetto ha ottenuto il parere favorevole della Provincia e attende ora quello della Soprintendenza. Il costo della rotatoria, inserita ne programma triennale delle opere pubbliche, si aggira sui 240 mila euro. L’intento è quello di ottenere un finanziamento regionale. Tempo di realizzazione un anno. La rotatoria è un tassello importante nel quadro di un miglioramento complessivo della viabilità. Sono già state migliorate l’illuminazione pubblica, la segnaletica stradale, gli attraversamenti pedonali con l’inserimento di luci e semafori lampeggianti e, l’anno scorso, anche la sicurezza all’incrocio tra la provinciale e via Bigolo e l’attraversamento pedonale per il cimitero di Sant’Alessandro. —

Giusy Andreoli

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi