Mantovani, sì al concordato: in ballo 200 milioni di debiti

Il Tribunale ammette alla procedura la società controllata dalla famiglia Chiarotto. Il 7 luglio del prossimo anno la prima adunanza dei creditori tra cui le banche