Riecco Freddy e Debora Sorgato: di nuovo in tribunale per le armi

Freddy Sorgato (foto Bianchi)

Padova: i due fratelli, condannati in primo grado e in appello a 30 anni di reclusione per l'omicidio di Isabella Noventa, devono rispondere dell'accusa di detenzione illegale per una Beretta, una pistola Astra e centinaia di cartucce

PADOVA. Freddy e Debora Sorgato sono tornati in tribunale oggi venerdì 22 novembre 2019 per rispondere davanti al giudice per le udienze preliminari: sono accusati di detenzione illegale di armi comuni da sparo. Durante una perquisizione fatta in seguito al loro arresto per l'omicidio della segretaria Isabella Noventa - fatto per il quale sono stati condannati in primo e secondo grado a 30 anni di pena - nella primavera del 2016, vennero trovate a casa di Debora armi intestate al fratello e detenute illecitamente. Si tratta di una Beretta calibro 7,65 e 14 proiettili, una pistola Astra calibro 9 e centinaia di cartucce.

Debora Sorgato (foto Bianchi)

I due fratelli sono giunti nell'aula, chiusa al pubblico: Freddy è apparso magro, stempiato e con il codino; la sorella, lunghi capelli rossi, alla vista dei fotografi ha girato il volto.

Confermati 30 anni per Freddy, l'ex marito di Isabella: "L'ho visto sorridere"

L'udienza è durata una manciata di minuti: il nuovo legale dei Sorgato, Cristiano Pippa, ha eccepito l'inutilizzabilità delle intercettazioni che incastrerebbero i due. Debora ha chiesto di patteggiare un anno di pena, mentre Freddy potrebbe ancora chiedere il rito abbreviato, a meno che il legale non decida procedere con il dibattimento. La decisione del Gup arriverà il 20 dicembre prossimo.

Noventa Padova, la ex villa Sorgato va all'asta

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi