Accoglienza, dopo i tagli resta poco E c’è un operatore ogni 50 profughi

Le coop hanno dovuto licenziare mediatori, psicologi e tutor. Sopravvive solo il servizio alberghiero