Padova, il 1 giugno torna il Pride Lgbti

Serie di incontri su omofobia e nuove famiglie: "La nostra risposta al congresso di Verona"

PADOVA. Torna a Padova, il primo giugno, il Pride dal titolo «Siamo Fiere» dopo un mese di incontri su cultura Lgbti, lotta all'omofobia e nuove famiglie. L'appuntamento è nel cinquantenario di Stonewall ovvero la nascita del movimento Lgbti, che quest'anno riporta in piazza il Pride oltre che a Padova a Verona, Vicenza, Treviso.

Il Pride quest'anno scende in piazza unendo i «tradizionali» temi Lgbti a quelli più propri del femminismo: il superamento delle discriminazioni e la lotta agli stereotipi di genere, nonché la necessità di fare fronte comune rispetto ai continui attacchi ai diritti civili sia delle donne sia della comunità Lgbti.

«Sicuramente il Pride di quest'anno ha una forte declinazione femminile e femminista - dice Mattia Galdiolo, portavoce del Padova Pride -. Il Congresso delle Famiglie di Verona e la grande mobilitazione che ne sono state l'ovvia risposta sono un fatto che non si può ignorare. Allo stesso tempo non possiamo non renderci conto che gli attacchi che riceviamo come comunità Lgbti sono della stessa matrice, se non addirittura della stessa provenienza, di quelli che ricevono le donne».(

Video del giorno

Arresti per infiltrazioni della camorra a Bibione, il video dell'operazione della Dia

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi