In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Padova, «Un uomo che spara dalla finestra di casa»: preso, ha 17 anni

Indagine-lampo dei carabinieri che individuano il colpevole. Sequestrate armi da softair. Un caso anche a San Giuseppe

Enrico Ferro
1 minuto di lettura
Un carabiniere con le armi da softair sequestrate 

PADOVA. Un uomo che dalla finestra di un appartamento imbraccia un fucile di precisione e punta sulla strada. E spara. La voce girava da giorni con una crescente scala di allarme. È arrivata persino all’ex vicesindaco Eleonora Mosco che ieri mattina nel corso di una conferenza stampa aveva condiviso la preoccupazione con i giornalisti. Con la promessa di comunicare a breve gli sviluppi. Ma sono arrivati prima i carabinieri del nucleo Radiomobile, che si erano messi alla ricerca imbeccati da alcuni abitanti dell’Arcella e proprio ieri hanno individuato il responsabile. Non è un uomo. Ha solo 17 anni. È uno studente.



I militari dell’Arma nella sua abitazione di via Selvatico hanno trovato un piccolo arsenale da softair composto da 2 fucili, 3 pistole e relativo munizionamento con pallini in plastica.



L’adolescente, di fronte agli uomini in divisa, ha subito ammesso le proprie responsabilità confessando l’utilizzo improprio del fucile. Nei giorni scorsi, all’insaputa dei genitori, aveva esploso alcuni colpi sulla pubblica via e anche nel giardino condominiale. Al momento non sono state segnalate persone ferite e nemmeno danneggiamenti. L’episodio, assicurano i carabinieri del comando provinciale, può ritenersi una bravata che avrebbe potuto però portare serie conseguenze.



La vicenda si è conclusa con la denuncia in stato di libertà del minore e con il sequestro delle armi e delle munizioni trovate nella sua disponibilità.



Il comandante provinciale, colonnello Oreste Liporace, ci tiene a non banalizzare: «Con le armi non si scherza, anche se si tratta di pistole da soft air. La città non può essere un contesto in cui vengono utilizzate. E comunque anche i minori dovrebbero tenersi a debita distanza». Il rischio è sempre quello di non capire il confine tra il gioco e la possibile tragedia.



Ieri mattina una segnalazione simile è giunta anche alla polizia, precisamente da via Valeggio a San Giuseppe. Un’anziana ha udito un colpo e ha visto un foro in una delle finestre di casa sua. Sul posto gli agenti hanno accertato che è stato provocato da una pistola ad aria compressa, con un colpo sparato dal basso. Non ci sono prove che sia stato lo stesso ragazzo ma saranno compiuti i necessari accertamenti, anche per capire se ce ne sono altri che fanno la stessa cosa. —


 

I commenti dei lettori