L'installazione diventa veicolo pubblicitario, sul Mattino

Emmanuele Panzarini e la sua visual art rovescia le regole e trova lo sponsor per veicolare le sue opere

Questa è la doppia pagina centrale uscita sul mattino di Padova, edizione del 19 settembre. E' la prima di quattro ed è un interessante esperimento, una contaminazione tra arte e marketing. Una sorta di neo-mecenatismo, se si vuole.

Da Padova ad Amburgo, le magiche installazioni di Emmanuele Panzarini

Emmanuele Panzarini è un giovane artista padovano specializzato nella visual art. In questi anni ha realizzato diverse installazione, cliccate qui per scoprirne alcune, di recente raccolte in una monografia.

Questa sotto invece è l'ultima in ordine di tempo, a Vigonovo

Vigonovo, la nuova installazione artistica di Panzarini

Il "paginone" che vedete sopra è frutto della ricerca di uno sponsor interessato a veicolare un messaggio artistico. In un certo senso, un ragionamento al contrario: non un soggetto che usa l'arte per veicolare il proprio messaggio, ma un artista che cerca un'azienda interessata alla sua creatività.

Nasce così #AntenoreEnergiaforArt, "energia per la tua creatività". Cosa si vede in questa foto? Cosa rappresenta?

Sembra una danza allegra e spensierata. Il fluttuare di venti materassini nelle acque del canale di Ponterosso, a Trieste, mosse nella giornata di ieri dalle raffiche di borino, ha catturato l’attenzione dei passanti, attratti dai colori sgargianti dei gonfiabili.

L’installazione si chiama Mare Nostrum come l’operazione umanitaria che ha tratto in salvo nel Mediterraneo migliaia di migranti in fuga dalla guerra e dalla disperazione.

Mare Nostrum: l'installazione shock del padovano Panzarini a Padova

Quello che generalmente è riconosciuto come un accessorio per lo svago e il relax, infatti, grazie alla creatività visionaria di Panzarini, è diventato uno strumento comunicativo semplice ed efficace, ideato per sensibilizzare le persone di fronte al continuo esodo di disperati che provano con ogni mezzo a raggiungere le coste italiane. Su ogni materassino gonfiabile l’artista trentaquattrenne ha disegnato una sagoma nera, di quelle che vengono tracciate sull’asfalto per indicare l’esatta posizione del corpo della vittima di un omicidio.

Panzarini si è laureato al Dams di Padova. Da diversi anni porta avanti la sua attività artistica, sia in Italia che all’estero. «Utilizzo strumenti, materiali ed elementi estremamente diversi fra loro – continua – con lo scopo di stimolare il pubblico e di farlo interagire con l’opera stessa. L’espressione artistica, a mio avviso, non si deve limitare alla rappresentazione di un oggetto in quanto tale. Con l’opera Mare Nostrum penso di essere riuscito a creare un contatto emotivo con il pubblico».

Video del giorno

Il concerto di Hendel alle Cinque Torri di Cortina

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi