Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Armi incustodite in casa condanna annullata

correzzolaQuando i carabinieri erano entrati nella sua abitazione per un controllo di routine sulla regolare detenzione delle armi, hanno trovato un fucile sul divano. Un calibro 12 la cui canna era...

correzzola

Quando i carabinieri erano entrati nella sua abitazione per un controllo di routine sulla regolare detenzione delle armi, hanno trovato un fucile sul divano. Un calibro 12 la cui canna era avvolta da un nylon. F. B., 85 anni, si era giustificato asserendo che lo aveva da poco pulito e doveva ancora riporlo.

I carabinieri hanno chiesto quindi di vedere come fossero custodite le altre armi regolarmente detenute dall’anziano. E hanno trovato, dentro uno scatolone, un revolver calibro ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

correzzola

Quando i carabinieri erano entrati nella sua abitazione per un controllo di routine sulla regolare detenzione delle armi, hanno trovato un fucile sul divano. Un calibro 12 la cui canna era avvolta da un nylon. F. B., 85 anni, si era giustificato asserendo che lo aveva da poco pulito e doveva ancora riporlo.

I carabinieri hanno chiesto quindi di vedere come fossero custodite le altre armi regolarmente detenute dall’anziano. E hanno trovato, dentro uno scatolone, un revolver calibro 38 e una pistola spagnola posati sopra l’armadio, luogo facilmente raggiungibile, salendo su uno sgabello.

L’anziano fu denunciato e quindi condannato per non aver custodito con la dovuto diligenza le armi: il Tribunale di Padova gli aveva inflitto un’ammenda di 500 euro. Ma F.B., a cui nel frattempo le armi erano state sequestrate, con tanto di decisione del Prefetto di non poterle più detenere, ha presentato ricorso in Cassazione: le armi erano scariche, comunque nascoste e l’ultraottantenne viveva da solo. Non erano quindi alla portata di nessuno. Inoltre l’anziano ha reclamato la tenuità del fatto.

Ed è stato quest’ultimo rilievo ad essere accolto. La condanna è stata annullata senza rinvio per non punibilità data la particolare tenuità del fatto. —

E.L.