Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Vendemmia sui Colli Euganei un’annata d’oro

Non dovrebbe essere difficile raggiungere gli 800mila quintali di uva raccolta e i 630mila  ettolitri di vino, per un valore complessivo di 55 milioni

TORREGLIA

Sarà un’annata d’oro sui Colli Euganei per quanto riguarda la vendemmia. La produzione dovrebbe tornare ai valori del 2016 dopo la flessione dello scorso anno, determinata soprattutto dalle avversità climatiche. Non dovrebbe essere un problema raggiungere gli 800 mila quintali d’uva raccolta e i 630 mila ettolitri di vino ottenuti, per un valore complessivo della produzione intorno ai 55 milioni di euro.

Intanto nelle 3.700 aziende vitivinicole padovane è partita la vendemmia. Anche ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TORREGLIA

Sarà un’annata d’oro sui Colli Euganei per quanto riguarda la vendemmia. La produzione dovrebbe tornare ai valori del 2016 dopo la flessione dello scorso anno, determinata soprattutto dalle avversità climatiche. Non dovrebbe essere un problema raggiungere gli 800 mila quintali d’uva raccolta e i 630 mila ettolitri di vino ottenuti, per un valore complessivo della produzione intorno ai 55 milioni di euro.

Intanto nelle 3.700 aziende vitivinicole padovane è partita la vendemmia. Anche nella tenuta Maeli, a Luvigliano, nei pressi del ristorante Al Pirio, dove martedì sera si è tenuta la prima vendemmia in notturna con la benedizione e partecipazione del Monsignore Liberio Andreatta. «È un’ottima annata», conferma la madrina di casa Maeli, Elisa Dilavanzo, nota anche come la regina del moscato giallo. «L’uva di quest’anno ha un’ottima qualità e gradazione. La vendemmia in notturna è un esperimento che vogliamo proseguire anche nei prossimi anni. La vendemmia iniziata martedì proseguirà indicativamente una settimana, ma si seguirà, nella raccolta, il grado di maturazione dell’uva».

Alla vendemmia c’erano anche il parroco di Torreglia don Placido Verza e il sindaco Filippo Legnaro. Le trattorie Ballotta e Al Pirio hanno proposto specialità del territorio. A dar man forte ai cuochi tauriliani il maestro macellaio Bruno Bassetto e lo chef Roberto Zanca. Parte del ricavato sarà destinato al restauro del Capitello.

«La vite, la vigna e la vendemmia fanno parte del vangelo», rileva il Monsignore Andreatta. «La vendemmia deve contribuite alla riscoperta dei valori della comunità. Ricordo che da ragazzo vendemmiavo, si cantava in allegria e si faceva comunità. Quest’anno noto con piacere che si prospetta una grande raccolta per i Colli Euganei». —

F.FR.