Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Decimata una colonia felina, è allarme

Uno dei mici seviziati

Orrore a Vigodarzere. Un gatto fatto a pezzi, un altro segregato senza cibo né acqua. Altri 3 mici presi a fucilate e salvati dalla Lac

VIGODARZERE. Orrore a Vigordarzere: qualcuno ha fatto a pezzi un gatto di una piccola colonia felina, di cui non è rimasto ormai alcun esemplare. Tre sono spariti, forse presi a fucilate, e un altro è stato soppresso ieri dal veterinario, perché probabilmente era rimasto segregato per venti giorni in un luogo chiuso, senza potersi alimentare né bere. È stato piazzato vicino alle ciotole in cui un volontario della Lac versava il cibo per i mici. Lì qualche giorno prima erano stati fatti trova ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGODARZERE. Orrore a Vigordarzere: qualcuno ha fatto a pezzi un gatto di una piccola colonia felina, di cui non è rimasto ormai alcun esemplare. Tre sono spariti, forse presi a fucilate, e un altro è stato soppresso ieri dal veterinario, perché probabilmente era rimasto segregato per venti giorni in un luogo chiuso, senza potersi alimentare né bere. È stato piazzato vicino alle ciotole in cui un volontario della Lac versava il cibo per i mici. Lì qualche giorno prima erano stati fatti trovare dei pezzi dell’altro gatto: il moncone della sua coda e un frammento di pelliccia del dorso.

LE GUARDIE ZOOFILE. Le guardie zoofile della Lac raccontano come una sera di fine luglio qualcuno si fosse messo a sparare dalle finestre dei palazzoni di via Roma, che si trovano ai confini tra Vigodarzere e Pontevigodarzere, poco prima del sottopasso ferroviario. Da quella sera tre dei cinque gatti della colonia non si erano fatti più vedere. Ne erano rimasti due, rossicci entrambi. Uno di questi zoppicava vistosamente, come se fosse stato colpito da alcuni pallini: è lui il povero micio fatto a pezzi alcuni giorni fa. L’altro era scomparso per una ventina di giorni, per poi ricomparire denutrito e disidratato, ormai immobile, la bocca piena di larve di mosche. Qualcuno lo aveva trovato ormai in fin di vita e lo ha piazzato vicino alle ciotole perché fosse trovato dai volontari: non si sa se sia rimasto chiuso per errore o qualcuno lo abbia segregato appositamente. Non è rimasto, purtroppo, che sopprimerlo.

LE SPARIZIONI. In zona le sparizioni dei gatti si stanno facendo preoccupanti: oltre alla colonia dei cinque gatti ormai completamente azzerata, dall’altro lato della provinciale, nei pressi della stazione, la volontaria che segue un’altra piccola colonia ha segnalato la sparizione di due gatte appena sterilizzate. Poco più avanti, in via Battisti, all’inizio di agosto, un’altra colonia è stata decimata con il veleno: in tre soli giorni sono morti sei mici. Data la gravissima situazione, la zona sarà monitorata dalle guardie zoofile Lac. «È stata sporta denuncia ai carabinieri di Vigodarzere» rende noto la Lega per l’abolizione della caccia di Padova, «ma chiunque abbia informazioni ci contatti tramite la nostra mail lacpadova@gmail. com o si rechi dai carabinieri. Le persone che compiono simili atti di violenza inaudita e ingiustificata sono sadiche e pericolose per la tutta la società, non solo per gli animali. Chiediamo anche la collaborazione del sindaco, cui spetta la tutela delle specie animali presenti sul territorio e la vigilanza sull’osservanza delle leggi relative alla protezione degli animali, che ha disatteso negando l’apertura di una colonia nei pressi della stazione. Le colonie permettono ai volontari la sterilizzazione». —

Cristina Salvato.