Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La Rocca chiusa da mesi pronta una mobilitazione

Scala di accesso da riparare Prima di affidare i lavori la Regione aspetta il nulla osta della Sovrintendenza Critico il comitato cittadino

MONSELICE

Quando riaprirà al pubblico il Mastio Federiciano? La chiusura va avanti da fine marzo ed è dovuta alla necessità di eseguire lavori relativi alla scala di accesso al bene. La mancanza di informazioni puntuali ha però creato in questi mesi parecchi malumori in città.

risposta della regione

Il 25 maggio il consigliere Piero Ruzzante di Liberi e Uguali aveva presentato un’interrogazione in Regione. Si legge ora nella risposta: «La Giunta regionale ha acquisito il 6 giugno scorso dall’Im ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONSELICE

Quando riaprirà al pubblico il Mastio Federiciano? La chiusura va avanti da fine marzo ed è dovuta alla necessità di eseguire lavori relativi alla scala di accesso al bene. La mancanza di informazioni puntuali ha però creato in questi mesi parecchi malumori in città.

risposta della regione

Il 25 maggio il consigliere Piero Ruzzante di Liberi e Uguali aveva presentato un’interrogazione in Regione. Si legge ora nella risposta: «La Giunta regionale ha acquisito il 6 giugno scorso dall’Immobiliare Marco Polo le indagini preliminari da questa effettuate e le richieste di preventivi da questa acquisiti in quanto, in via preliminare, andava percorsa la fattibilità della messa in sicurezza della scala da parte dell’Immobiliare Marco Polo». La ditta è infatti tenuta alla manutenzione ordinaria degli immobili che gestisce: villa Contarini a Piazzola sul Brenta e, appunto, la Rocca di Monselice. «La società tuttavia ha ritenuto, a seguito della suddetta indagine, di declinare la propria competenza ritenendo riconducibile l’intervento a un’opera di carattere straordinario di competenza della proprietà (cioè la Regione stessa, ndr)».

si aspetta il nulla osta

Gli uffici regionali hanno quindi predisposto una relazione tecnica progettuale inviata il 7 agosto alla Soprintendenza Archeologica. Una volta ottenuto il nulla osta, si potrà finalmente procedere all’affidamento dei lavori di sostituzione della scala. Lavori che di per sé richiederanno cinque giorni.

Dura la nota diffusa dal comitato Lasciateci Respirare: «La scala che porta all’interno del Mastio è diventata il pretesto per la chiusura completa all’accesso verso la sommità del Colle. Se la situazione non dovesse sbloccarsi in tempi brevi, siamo pronti a costruire una mobilitazione che chiami tutti gli amministratori alle proprie responsabilità e li inviti a riprendere in mano proposte che abbiamo consegnato da anni». —

Davide Permunian