Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

In tremila applaudono Salvini Un pieno di selfie a Conselve

Lo stand del Carroccio troppo piccolo per contenere tutti  «Nell’hub per profughi di Cona  dimezzeremo le presenze Se tenete duro vinceremo»

CONSELVE

Oltre tremila persone sono intervenute ieri sera alla fiera di Sant’Agostino per vedere e ascoltare dal vivo Matteo Salvini. Troppo piccolo lo stand della Lega per contenere l’ondata di popolo che non ha voluto perdere l’occasione di abbracciare il personaggio politico del momento. Già due ore prima dell’appuntamento delle 20. 30 i posti a sedere erano occupati. Chi non aveva la prenotazione ha dovuto accontentarsi di affollare gli spazi attorno allo stand dove è stato allestito il p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CONSELVE

Oltre tremila persone sono intervenute ieri sera alla fiera di Sant’Agostino per vedere e ascoltare dal vivo Matteo Salvini. Troppo piccolo lo stand della Lega per contenere l’ondata di popolo che non ha voluto perdere l’occasione di abbracciare il personaggio politico del momento. Già due ore prima dell’appuntamento delle 20. 30 i posti a sedere erano occupati. Chi non aveva la prenotazione ha dovuto accontentarsi di affollare gli spazi attorno allo stand dove è stato allestito il palco.

Corsa ai selfie

Il ministro dell’Interno è apparso tra il suo popolo prima delle 20 ed è subito iniziata la corsa al selfie. L’entusiasmo era palpabile: dalle parole di adorazione, dagli sguardi languidi, dalla frenesia di accaparrarsi un posto quanto più vicino alle transenne. Ha preso la parola alle 21, tra applausi e striscioni. E non ha deluso il popolo leghista prodigo di applausi e incitazione. Salvini, dopo i ringraziamenti di rito ai tanti volontari impegnati nella festa, ha ripercorso tutti i cavalli di battaglia.

cavalli di battaglia

È partito dal fenomeno immigratorio snocciolando i meriti di un’azione di governo e annunciando che saranno dimezzate le presenze nell’hub di Cona. Ha scherzato sui magistrati “fenomeni” che lo hanno preso di mira, garantendo che sarà il primo imputato ad ammettere le proprie colpe. Riforma della legge Fornero, del fisco, della scuola, tutela dell’agricoltura, autonomia per il Veneto, difesa della famiglia tradizionale e delle tradizioni del Leone di San Marco: la lista di ciò che ha intenzione di fare, insieme con alleati che si sono dimostrati affidabili, è lunga e ben nota. Non sono mancati gli affondi nei confronti del precedente Governo e del Pd. «Se continuano così» ha detto facendo riferimento alla Sinistra «qui a Conselve ci vedremo per i prossimi trent’anni». Le ultime parole sono per la folla. «Vinciamo non tanto se tengo duro io, ma se lo fate voi». —

Alessandro Cesarato