Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Calcio balilla “umano” alla sagra di Mandriola

ALBIGNASEGOSarà una sagra diversa quella che aprirà i battenti il 6 settembre a Mandriola di Albignasego: numerose le attività collaterali meno “tradizionali”, come il primo palio coi giochi di una...

ALBIGNASEGO

Sarà una sagra diversa quella che aprirà i battenti il 6 settembre a Mandriola di Albignasego: numerose le attività collaterali meno “tradizionali”, come il primo palio coi giochi di una volta e il torneo di calcio balilla umano tra le frazioni. Ci sarà spazio anche per la salute con la pizza della prevenzione. Per partecipare al palio, che si svolgerà domenica 16, sono indette per il giorno 10 le selezioni, dalle 19 in parrocchia. Quattro i giochi: il salto della corda (dedicato ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ALBIGNASEGO

Sarà una sagra diversa quella che aprirà i battenti il 6 settembre a Mandriola di Albignasego: numerose le attività collaterali meno “tradizionali”, come il primo palio coi giochi di una volta e il torneo di calcio balilla umano tra le frazioni. Ci sarà spazio anche per la salute con la pizza della prevenzione. Per partecipare al palio, che si svolgerà domenica 16, sono indette per il giorno 10 le selezioni, dalle 19 in parrocchia. Quattro i giochi: il salto della corda (dedicato ai bimbi), sgranocchia la pannocchia (per le donne), bigoli al torcio e taglio del tronco (per gli uomini). L’8 settembre si vedrà quale delle otto frazioni si aggiudicherà il primo torneo di calcio balilla umano, mentre sono già aperte le prenotazioni per la “buona pizza che fa prevenzione”, in programma il 12 settembre. La pizza sarà quella del Cocò e sarà possibile eseguire una visita andrologica gratuita all’ambulatorio mobile di Croce Verdee Fondazione Foresta. —

Cristina Salvato