Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Lesioni lievi per padre e figlio feriti in moto

VIGONZAÈ andata bene al centauro cinquantatreenne di Vigonza e al figlio quattordicenne che lunedì pomeriggio sono rimasti coinvolti in un brutto incidente in via Venezia a Capriccio. I due se la...

VIGONZA

È andata bene al centauro cinquantatreenne di Vigonza e al figlio quattordicenne che lunedì pomeriggio sono rimasti coinvolti in un brutto incidente in via Venezia a Capriccio. I due se la sono cavata con alcuni giorni di prognosi, anche se al ragazzo servirà tempo per superare lo choc patito.

Venti i giorni di prognosi prescritti dall’ospedale di Padova per F. T. , che guidava la Harley Davidson; sei per il figlio, trasportato e curato nel reparto pediatrico dello stesso ospedale. L’i ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONZA

È andata bene al centauro cinquantatreenne di Vigonza e al figlio quattordicenne che lunedì pomeriggio sono rimasti coinvolti in un brutto incidente in via Venezia a Capriccio. I due se la sono cavata con alcuni giorni di prognosi, anche se al ragazzo servirà tempo per superare lo choc patito.

Venti i giorni di prognosi prescritti dall’ospedale di Padova per F. T. , che guidava la Harley Davidson; sei per il figlio, trasportato e curato nel reparto pediatrico dello stesso ospedale. L’incidente, accaduto alle 17. 30, è stato rilevato dalla polizia locale vigontina.

La moto percorreva la Sr 11 della Riviera del Brenta da Stra verso Busa; la Opel Mokka guidata dalla quarantunenne M.E. arrivava dal senso opposto ed eseguiva la manovra di svolta a sinistra per entrare nel parcheggio di un centro commerciale. Nel violento impatto la peggio l’hanno avuto padre e figlio, finiti malamente sulla carreggiata disseminata di detriti.

Giusy Andreoli