Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La protesta: fossi chiusi vie sempre sott’acqua

CODEVIGOGli improvvisi e copiosi acquazzoni estivi riportano alla luce l’annoso problema di via Osteria e via Garubbio a Codevigo, vie del centro che puntualmente si trasformano in fiumi in piena,...

CODEVIGO

Gli improvvisi e copiosi acquazzoni estivi riportano alla luce l’annoso problema di via Osteria e via Garubbio a Codevigo, vie del centro che puntualmente si trasformano in fiumi in piena, con i residenti sempre a rischio di allagamento di garage e abitazioni. Problemi legati a un’urbanizzazione che non ha tenuto in dovuto conto l’equilibrio di un’intera zona del paese. Il peccato originale risale al 2004 quando, negli spazi dell’ex consorzio agrario, è sorto un grande stabile con ne ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CODEVIGO

Gli improvvisi e copiosi acquazzoni estivi riportano alla luce l’annoso problema di via Osteria e via Garubbio a Codevigo, vie del centro che puntualmente si trasformano in fiumi in piena, con i residenti sempre a rischio di allagamento di garage e abitazioni. Problemi legati a un’urbanizzazione che non ha tenuto in dovuto conto l’equilibrio di un’intera zona del paese. Il peccato originale risale al 2004 quando, negli spazi dell’ex consorzio agrario, è sorto un grande stabile con negozi e appartamenti. Tutto intorno i fossi sono stati chiusi o tombinati. «Quando piove» fanno notare i residenti «l’acqua dello stabile ex consorzio, costruito su livelli più alti, si incanala nelle rampe e defluisce verso le nostre abitazioni. Le nostre vasche di contenimento non possono contenere anche tutta quell’acqua».

Lo scorso anno sono stati eseguiti dei lavori alle fognature vecchie di mezzo secolo, che, in teoria, avrebbero dovuto attenuare la problematica. «Non sono stati eseguiti correttamente» continuano i residenti «tanto che quando piove, c’è un reflusso della fogna. A ogni temporale, anche modesto, dobbiamo alzare le paratie e azionare le pompe. È ora di trovare una soluzione definitiva, individuando magari chi ha la responsabilità di lavori eseguiti evidentemente non a regola d’arte. In questa zona non eravamo finiti sott’acqua neppure con l’alluvione del 1966».

AL.CE.