Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ciclista ucciso dal caldo Disposta l’autopsia

BATTAGLIA TERMESarà eseguita lunedì mattina l’autopsia sulla salma di Gianfranco Polenzani, il 71enne cicloamatore di Battaglia, morto mercoledì mattina in seguito a un maloredovuto al caldo e alla...

BATTAGLIA TERME

Sarà eseguita lunedì mattina l’autopsia sulla salma di Gianfranco Polenzani, il 71enne cicloamatore di Battaglia, morto mercoledì mattina in seguito a un maloredovuto al caldo e alla fatica mentre era in bici in via Vallette, nei pressi del cimitero di Arquà Petrarca.

«Restano quindi da fissare le esequie», fa sapere la nipote Morena Marsilio. L’autopsia su Polenzani, che risiedeva in via Mohringen a Battaglia, è stata disposta dal magistrato, desideroso di fare chiarezza sulle ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BATTAGLIA TERME

Sarà eseguita lunedì mattina l’autopsia sulla salma di Gianfranco Polenzani, il 71enne cicloamatore di Battaglia, morto mercoledì mattina in seguito a un maloredovuto al caldo e alla fatica mentre era in bici in via Vallette, nei pressi del cimitero di Arquà Petrarca.

«Restano quindi da fissare le esequie», fa sapere la nipote Morena Marsilio. L’autopsia su Polenzani, che risiedeva in via Mohringen a Battaglia, è stata disposta dal magistrato, desideroso di fare chiarezza sulle cause che hanno portato al decesso del ciclista.

Decesso che pare dovuto al malore causato dal gran caldo (alle 8.30, quando Polenzani si era sentito male, c’erano già quasi 30 gradi), ma il magistrato vuole andare a fondo.

Secondo i parenti, il cicloamatore stava bene, era «sano come un pesce». Manca però il responso del medico di base, che Polenzani ha cambiato il 20 giugno, ma che non ha mai visto. Difficile quindi avere la conferma che il cicloamatore non abbia recentemente contratto qualche patologia.

L’unica figlia ha nel frattempo autorizzato l’espianto delle cornee, che serviranno a salvare la vista ad altri.

Regna intanto ancora il dolore all’interno della Be.Ni. di Tribano, la ditta per la quale Polenzani lavorava come venditore piazzista di salumi e formaggi. Il cicloamatore, con il furgone, riforniva negozi e supermercati. —

F.FR.