Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Si schianta con la moto e abbandona l’amica ferita sulla Romea

Un 23enne sotto l’effetto di alcol e coca anziché fermarsi a soccorrere la ragazza è fuggito. Rintracciato e arrestato

POLVERARA. In sella alla moto non doveva starci visto che era già stato beccato alla guida in stato di ebbrezza e quindi la patente gli era stata sospesa. Ma nella notte tra giovedì e venerdì, Andrea Bellesso, 23 anni, di Polverara, non solo si è messo alla guida di una moto Ktm quando non avrebbe potuto, ma è anche finito fuori strada, causando gravi lesioni alla diciottenne chioggiotta che viaggiava con lui, non soccorrendola e abbandonandola ferita lungo la Romea in piena notte.

Lo hanno ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

POLVERARA. In sella alla moto non doveva starci visto che era già stato beccato alla guida in stato di ebbrezza e quindi la patente gli era stata sospesa. Ma nella notte tra giovedì e venerdì, Andrea Bellesso, 23 anni, di Polverara, non solo si è messo alla guida di una moto Ktm quando non avrebbe potuto, ma è anche finito fuori strada, causando gravi lesioni alla diciottenne chioggiotta che viaggiava con lui, non soccorrendola e abbandonandola ferita lungo la Romea in piena notte.

Lo hanno trovato i carabinieri della compagnia di Chioggia all’alba nascosto tra la vegetazione nei campi di fianco alla statale. Il 23enne è risultato ubriaco due volte e mezza rispetto al limite fissato dal codice della strada e sotto l’effetto della cocaina. Una nottata di follia che è terminata con l’arresto in flagranza di Bellesso, su disposizione della pubblico ministero di turno veneziana Alessia Tavarnesi, per omissione di soccorso. Contestati al giovane padovano anche la guida sotto l’effetto dell’alcol e dello stupefacente e in questo stato di aver provocato un incidente. Dopo una notte trascorsa a casa agli arresti domiciliari, Bellesso ieri mattina è comparso davanti al giudice monocratico Enrico Ciampaglia.

L’arresto è stato convalidato e il giudice ha disposto la liberazione dell’indagato, in attesa della celebrazione del processo per direttissima nei prossimi giorni. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Bellesso e la ragazza di 18 anni avevano trascorso la serata assieme. Poi il 23enne aveva preso la moto Ktm di un’altra persona e si è messo alla guida.

Prima di partire, però, aveva bevuto alcolici e assunto cocaina, come rilevato dai militari. L’alcoltest si è fermato infatti sul valore di 1,36 grammi di alcol per litro di sangue su un massimo di 0,50 previsto dal codice della strada. E anche le analisi per rilevare l’assunzione di stupefacente avevano dato risultato positivo alla cocaina. All’altezza del chilometro 85,3 della Romea, Bellesso aveva perso il controllo della moto, con ogni probabilità a causa dell’alta velocità. Ad avere la peggio, la passeggera che era con lui e che era stata sbalzata dalla moto, piombando sull’asfalto, riportando la frattura della spalla destra. Invece di soccorrerla, il 23enne si era dato alla fuga mentre la ragazza ferita era rimasta ad aspettare nel buio della Romea, sfiorata dai camion in transito, che qualcuno si accorgesse di lei.

Alcuni automobilisti l’avevano notata e avevano chiamato il Suem 118. Trasferita all’ospedale di Chioggia in ambulanza, la ragazza è stata ricoverata e nelle ore successive operata alla spalla. Una prima prognosi è di circa 40 giorni. Bellesso è stato rintracciato dai carabinieri solo alle prime luci del giorno tra la vegetazione in un campo lungo la statale 309, dove si era nascosto perché era senza patente. Quindi l’arresto e ieri mattina la comparizione davanti al giudice in tribunale a Venezia. —