Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Apre il doppio rondò in centro a Fossona Via l’ultimo semaforo

Sparite le interminabili e inquinanti code di veicoli Il sindaco: «Un’opera sollecitata per anni dai cittadini»





Dopo un quarto di secolo di onorato, certe volte anche contestato servizio, il semaforo in centro a Fossona, all’incrocio tra le trafficate provinciali Scapacchiò e Buonsenso, uno dei pochi rimasti sulla viabilità collinare, è stato definitivamente spento. Mercoledì scorso è stato sostituito da due nuove rotonde che sono aperte al traffico in modalità “collaudo”.



Una soluzione che dovrebbe risolvere il problema delle lunghe code e garantire maggiore sicurezza all’incrocio dove si sono veri ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter





Dopo un quarto di secolo di onorato, certe volte anche contestato servizio, il semaforo in centro a Fossona, all’incrocio tra le trafficate provinciali Scapacchiò e Buonsenso, uno dei pochi rimasti sulla viabilità collinare, è stato definitivamente spento. Mercoledì scorso è stato sostituito da due nuove rotonde che sono aperte al traffico in modalità “collaudo”.



Una soluzione che dovrebbe risolvere il problema delle lunghe code e garantire maggiore sicurezza all’incrocio dove si sono verificati numerosi incidenti. Dai primi collaudi le due rotatorie, inizialmente previste scollegate l’una dall’altra, saranno unite da un’aiuola spartitraffico in modo da assumere la forma di “otto” per rendere più fluida la circolazione. «Siamo arrivati a questa decisione in accordo con la Provincia dopo aver notato che gli automobilisti nell’imboccare i rondò dimostravano incertezza sulla direzione da prendere», spiega il sindaco di Cervarese Santa Croce, Massimo Campagnolo.



Continua il sindaco: «Il collegamento tra i due manufatti sarà mobile per consentire, qualora si presentasse la necessità, il passaggio dei carichi eccezionali che hanno difficoltà di manovra. Per il resto tutto funziona alla perfezione, anche per quanto riguarda il transito di bus e tir. Non è stato un progetto facile vista la particolarità del sito e la presenza di alcune abitazioni a ridosso della sede stradale. Con lo studio di progettazione Damiano Zandonà abbiamo lavorato a stretto contatto per due anni».



L’opera è costata 437.000 euro. Il Comune ha destinato l’intera cifra con una variazione di bilancio nell’ottobre scorso. «La Provincia ci ha promesso un finanziamento di 94.000 euro» aggiunge Campagnolo, «Per un comune delle dimensioni del nostro si tratta di un impegno economico importante ma era doveroso visto che ci veniva sollecitato quasi quotidianamente dai cittadini. A breve sarà completata la segnaletica e l’arredo. Dopo la rimozione del semaforo le code, che nelle ore di punta raggiungevano i 200 metri, sono sparite. Questo è importante anche perché riduce l’inquinamento nel centro di Fossona». —