Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Flagello di grandine e vento decine di auto ammaccate

Chicchi come noci a Villanova Gravi i danni alle coltivazioni soprattutto a mais, soia e frutta  Decine di telefonate a Coldiretti e Cia da parte degli agricoltori 

VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO. Una grandinata di oltre 20 minuti s’è abbattuta, domenica sera, su alcuni comuni dell’Alta padovana. Tra i più colpiti Villanova di Camposampiero e San Giorgio delle Pertiche. Chicchi di grandine grandi come noci si sono abbattuti su automobili e colture: «Abbiamo perso il raccolto», ha detto un contadino di Villanova. «Della soia non rimane che la struttura della pianta. Anche le vigne sono state colpite. L’ultima volta che abbiamo visto una cosa simile è stato 3 ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO. Una grandinata di oltre 20 minuti s’è abbattuta, domenica sera, su alcuni comuni dell’Alta padovana. Tra i più colpiti Villanova di Camposampiero e San Giorgio delle Pertiche. Chicchi di grandine grandi come noci si sono abbattuti su automobili e colture: «Abbiamo perso il raccolto», ha detto un contadino di Villanova. «Della soia non rimane che la struttura della pianta. Anche le vigne sono state colpite. L’ultima volta che abbiamo visto una cosa simile è stato 30 anni fa, quando coltivavamo il tabacco. Un vero disastro».

Decine le auto ammaccate, con vetri e fanali in frantumi, segnalate sui social. Campi di mais, soia e vigne sono stati danneggiati. Decine anche le telefonate di agricoltori agli uffici della Cia di Padova, in cui chiedono aiuto per aver perso buona parte del raccolto. Mais e ortofrutta sono le colture più colpite. «Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni, soprattutto da Villanova e San Giorgio delle Pertiche» conferma anche Coldiretti, «ma, a parte alcuni casi, la situazione non pare grave. I danni, provocati soprattutto dalle raffiche di vento, sono contenuti, poiché il maltempo ha colpito solo alcune zone limitate. Sicuramente la Bassa Padovana è stata investita da un’ondata di maltempo peggiore rispetto alla zona a nord di Padova». Fogliame e ramaglie hanno coperto le strade, rendendo scivoloso l’asfalto. A Villanova di Camposampiero, passata la tempesta, il sindaco Cristian Bottaro è uscito per un giro di ricognizione assieme al vicesindaco Filippo Ancilotto e all’assessore alla sicurezza Michele Conte: «Fortunatamente non ci sono stati allagamenti significativi», ha detto Ancilotto. «Qualche pozzanghera in via Cornara e in via Bollana, la situazione più critica è in via Piovega Nord e lungo le strade limitrofe. Nel complesso nessun danno importante da segnalare».

Situazione più critica a San Giorgio delle Pertiche dove, in un quartiere di Arsego, c’è stato un blackout che ha creato momenti di preoccupazione, mentre, tra Cavino e San Giorgio, è caduto un palo del telefono che ha bloccato la linea telefonica fino alle 9 di ieri mattina. La grandine non ha risparmiato nemmeno il tradizionale palio, in corso in questi giorni a Cavino, e ha costretto i partecipanti a ripararsi nel vicino centro parrocchiale. I volontari della protezione civile sono intervenuti coordinati dal sindaco Piergiorgio Prevedello e dal vicesindaco Davide Scapin: «La grandine non ha provocato danni particolari», ha detto Scapin. «Certo, i chicchi erano grossi ma bagnati e si sa che un chicco grande come un granello di pepe, se secco, può provocare più danni di un chicco più grande frammisto alla pioggia. Alle 23.20 tutte le strade erano libere e rimaneva solo un po’ di fogliame sull’asfalto, che provvederemo a ripulire con una spazzatrice nel corso di questa giornata». —

Martina Mazzaro . BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.