Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Martedì l’ultimo saluto all’artigiano precipitato

SAN MARTINO DI LUPARI. L’addio ad Angelo Pavanello Stocco, morto dopo sette mesi di calvario per le conseguenze di un incidente sul lavoro. Verrà celebrato martedì, alle 10 in duomo a San Martino di...

SAN MARTINO DI LUPARI. L’addio ad Angelo Pavanello Stocco, morto dopo sette mesi di calvario per le conseguenze di un incidente sul lavoro. Verrà celebrato martedì, alle 10 in duomo a San Martino di Lupari, il funerale del 74enne precipitato a dicembre da una cesta sollevata da un muletto dopo aver eseguito un lavoro alla Berti di Villa del Conte. Nell’epigrafe la moglie Vilma e le figlie Marika, Marta e Lisa scrivono: «Hai vissuto fino alla fine con coraggio e forza. Onesto e generoso, lasc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN MARTINO DI LUPARI. L’addio ad Angelo Pavanello Stocco, morto dopo sette mesi di calvario per le conseguenze di un incidente sul lavoro. Verrà celebrato martedì, alle 10 in duomo a San Martino di Lupari, il funerale del 74enne precipitato a dicembre da una cesta sollevata da un muletto dopo aver eseguito un lavoro alla Berti di Villa del Conte. Nell’epigrafe la moglie Vilma e le figlie Marika, Marta e Lisa scrivono: «Hai vissuto fino alla fine con coraggio e forza. Onesto e generoso, lasci un vuoto incolmabile in tutti noi che ti amiamo». Eventuali offerte saranno devolute all’associazione Amami per il progetto “Dopo di noi”. Il rosario verrà recitato domani alle 20 e in tanti si stringeranno attorno alla famiglia di Angelo, un uomo che sapeva farsi voler bene, attivo in parrocchia e nella compagnia di teatro. Quel tragico giorno, Angerlo stava scendendo, ma il contenitore si è piegato e Angelo è precipitato, riportando un ematoma spinale, che l’ha reso tetraplegico. Non poteva parlare per la tracheotomia, ma è sempre rimasto lucido. —

Silvia Bergamin.