Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La Provincia sistema il ponte azzurro e rilancia la bretella

BOVOLENTA. «Nei prossimi mesi sistemeremo il ponte azzurro, che verrà riaperto anche ai mezzi pesanti. Quanto alla viabilità alternativa la bretella sull’argine è l’unica soluzione possibile. Ora...

BOVOLENTA. «Nei prossimi mesi sistemeremo il ponte azzurro, che verrà riaperto anche ai mezzi pesanti. Quanto alla viabilità alternativa la bretella sull’argine è l’unica soluzione possibile. Ora però devono essere i cittadini, tramite l’amministrazione comunale e il loro sindaco, a dirci in tempi brevi se è sufficiente il ponte azzurro, riportato in prima categoria, o se serve anche la bretella». Il presidente della Provincia Enoch Soranzo risponde così ai residenti di viale Italia insorti ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BOVOLENTA. «Nei prossimi mesi sistemeremo il ponte azzurro, che verrà riaperto anche ai mezzi pesanti. Quanto alla viabilità alternativa la bretella sull’argine è l’unica soluzione possibile. Ora però devono essere i cittadini, tramite l’amministrazione comunale e il loro sindaco, a dirci in tempi brevi se è sufficiente il ponte azzurro, riportato in prima categoria, o se serve anche la bretella». Il presidente della Provincia Enoch Soranzo risponde così ai residenti di viale Italia insorti di fronte alla soluzione della bretella sull’argine, un vecchio progetto già discusso e bocciato anni fa.

Soranzo mette in chiaro che il primo passo sarà la ristrutturazione del ponte azzurro, collo di bottiglia nell’area centrale, da un anno e mezzo interdetto ai mezzi pesanti. «L’attuale ritardo» spiega, «è dovuto alla necessità di aggiornare il progetto esecutivo, conseguenza del primo intervento eseguito dal Comune sullo stesso ponte. In tempi brevi procederemo con la gara d’appalto ed entro il primo semestre del 2019 prevediamo di poter riconsegnare il ponte agibile, con una spesa di 350 mila euro».

Sull’ipotesi della bretella a nord del centro come viabilità alternativa la Provincia ha già messo d’accordo Genio Civile, Soprintendenza e i Comuni vicini: verrà a costare 2, 8 milioni e collegherà la provinciale da Polverara con quella verso Casalserugo e Terrassa. Soranzo è pronto a stanziare 200 mila euro per lo studio di fattibilità ma vuole delle risposte definitive. «La bretella è l’unica soluzione sostenibile anche dal punto di vista finanziario. La Provincia ha il dovere di dare risposte a tutti i Comuni». —

Nicola Stievano .