Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un quartiere in rivolta contro la bretella che corre sull’argine

BOVOLENTA. Non piace la bretella sull’argine a nord del centro rilanciata dalla Provincia come alternativa al ponte azzurro. A insorgere sono i residenti in viale Italia e via Dante, il quartiere che...

BOVOLENTA. Non piace la bretella sull’argine a nord del centro rilanciata dalla Provincia come alternativa al ponte azzurro. A insorgere sono i residenti in viale Italia e via Dante, il quartiere che si trova stretto fra i due argini in centro. «Siamo 54 famiglie e 160 persone» spiegano i portavoce del quartiere, «preoccupati perché si torna a parlare di questa soluzione, già discussa e ampiamente bocciata 18 anni fa. Ora non possiamo certo accettare l’idea di costruire una tangenziale, perc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BOVOLENTA. Non piace la bretella sull’argine a nord del centro rilanciata dalla Provincia come alternativa al ponte azzurro. A insorgere sono i residenti in viale Italia e via Dante, il quartiere che si trova stretto fra i due argini in centro. «Siamo 54 famiglie e 160 persone» spiegano i portavoce del quartiere, «preoccupati perché si torna a parlare di questa soluzione, già discussa e ampiamente bocciata 18 anni fa. Ora non possiamo certo accettare l’idea di costruire una tangenziale, perché di questo si tratta, non sulla sommità arginale, ma sulla banchina che dà verso il nostro quartiere. Avremo una strada trafficata e percorsa in continuazione da mezzi pesanti a pochi metri dalle nostre abitazioni».

L’accordo raggiunto una decina di giorni fa in Provincia fra i sindaci della zona, che hanno individuato la nuova bretella come la soluzione alla strettoia del ponte, ancora chiuso al traffico pesante, e del centro di Bovolenta, non farà altro che aumentare il traffico in paese, sostengono i residenti del quartiere.

«Quante famiglie insistono sulla piazza?» si chiedono «Otto al massimo, mentre nel nostro quartiere siamo 54. Viale Italia e via Dante sono circondate da argini, si trovano in un catino, dentro al quale si vorrebbe far correre una tangenziale. Non siamo disposti a sorbirci smog e rumori, vorrà dire che metteremo in vendita le nostre abitazioni o le affitteremo alle cooperative in cerca di alloggi per i migranti, se è quello che vogliono», affermano provocatoriamente i residenti.

Poi rivolgono un invito al presidente della Provincia Enoch Soranzo: «Venga qui a spiegarci il progetto, visto che nessuno ha chiesto il nostro parere né ci ha interpellati. Gli faremo vedere dove si vuole far passare la strada. È opportuno piuttosto valutare altre soluzioni, a partire dalla ristrutturazione del Ponte della Riviera in modo da aumentarne la portata. Ma in quel caso ci sono sindaci che si oppongono, mentre a Bovolenta nessuno ascolta i cittadini».

Nicola Stievano.