Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Colpo in banca condanne per 25 anni alla banda

SOLESINO. A poche settimane di distanza dalle elezioni che lo hanno visto arrivare ultimo tra i quattro aspiranti sindaci, Luigino Vanzetto perde il sostegno di buona parte dei componenti della sua...

SOLESINO. A poche settimane di distanza dalle elezioni che lo hanno visto arrivare ultimo tra i quattro aspiranti sindaci, Luigino Vanzetto perde il sostegno di buona parte dei componenti della sua lista “Solesino Paese Nostro”. Nove candidati consiglieri hanno infatti deciso di uscire dal gruppo. «Anche alla luce di quanto successo nel consiglio comunale del 21 giugno scorso e nel rispetto dei 552 elettori che hanno creduto nel progetto, ci dissociamo da ogni azione e decisione del consigli ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SOLESINO. A poche settimane di distanza dalle elezioni che lo hanno visto arrivare ultimo tra i quattro aspiranti sindaci, Luigino Vanzetto perde il sostegno di buona parte dei componenti della sua lista “Solesino Paese Nostro”. Nove candidati consiglieri hanno infatti deciso di uscire dal gruppo. «Anche alla luce di quanto successo nel consiglio comunale del 21 giugno scorso e nel rispetto dei 552 elettori che hanno creduto nel progetto, ci dissociamo da ogni azione e decisione del consigliere Vanzetto, in quanto non conformi ai principi ispiratori della lista che rappresenta» annunciano Alessandra Zogno, Marco Martinello, Tommaso Trevisan, Katia Aldrigo, Roberto Toffano, Martina Trivellato, Filippo Barin, Flaviano Polato e Fabio Targa. Lo strappo non giunge del tutto inaspettato, ma Vanzetto si dice dispiaciuto: «I n coscienza so di aver fatto il massimo per ottenere un buon risultato. Non ho mai avuto accordi segreti con Bentani e ho sempre dichiarato che non avrei mai remato contro alle buone idee, anche se presentate da altri».

Davide Permunian.