Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Silurato il comandante della polizia locale Era il nemico del sindaco

Bentani ieri ha affidato l’incarico fiduciario al vicecommissario dei vigili di Selvazzano, Cesare Basso Cavatton forse andrà a Bagnoli 

SOLESINO

Prima lo Scout Speed, poi le convenzioni con gli altri Comuni, quindi il comandante dei vigili. In un mese la nuova amministrazione comunale di Elvy Bentani ha resettato la politica gestionale della polizia locale di Solesino. L’ultimo atto, che si è compiuto ufficialmente ieri, è il più forte: la revoca del comando a Maurizio Cavatton, dal 1984 impegnato nel corpo dei vigili della cittadina e da almeno venti con ruoli di comando.

Bentani ha annunciato il nome del nuovo comandante ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SOLESINO

Prima lo Scout Speed, poi le convenzioni con gli altri Comuni, quindi il comandante dei vigili. In un mese la nuova amministrazione comunale di Elvy Bentani ha resettato la politica gestionale della polizia locale di Solesino. L’ultimo atto, che si è compiuto ufficialmente ieri, è il più forte: la revoca del comando a Maurizio Cavatton, dal 1984 impegnato nel corpo dei vigili della cittadina e da almeno venti con ruoli di comando.

Bentani ha annunciato il nome del nuovo comandante, attivo già da ieri: si tratta di Cesare Basso, vicecommissario della polizia di Selvazzano Dentro. «C’è il massimo rispetto per la persona» commenta il sindaco Bentani, che in passato aveva anche presentato un esposto in Regione per chiedere di rivedere, ovviamente al ribasso, i gradi di comando di Cavatton «ma è ben noto come la mia visione di polizia locale sia agli antipodi rispetto a quella portata avanti in questi anni, e poco importa se fosse per scelta del comandante o per imposizione della politica».

In questi ultimi anni Bentani si era opposto a un certo utilizzo dello Scout Speed e alla gestione dei vigili solesinesi: «Abbiamo ritirato ogni convenzione perché vogliamo che i nostri vigili restino a Solesino» continua il nuovo sindaco «Con Cavatton ho capito che era impossibile portare avanti quel tipo di polizia locale capace di dialogare con i cittadini e, visto che il comandante è un uomo di fiducia del sindaco, ho deciso di affidarmi a un altro professionista».

Tra le prossime iniziative annunciate c’è anche l’eliminazione della sosta a pagamento nel piazzale del municipio, sostituita con disco orario per 120 minuti. Che il comando di Cavatton avesse i giorni contati era chiaro anche visti i precedenti tra il numero uno dei vigili e l’attuale vicesindaco (e assessore alla Polizia locale) Orfeo Dargenio: tra i due, oltre a scaramucce mediatiche, sono volate anche querele.

Cavatton rimarrà in forza al corpo di Solesino? Se il comandante uscente non vuole commentare l’avvicendamento forzato, Bentani si lascia quasi andare a un onore delle armi: «Ho sottolineato al nuovo comandante Basso l’obbligo morale di rispettare in tutti i modi l’ex comandante, in particolare cercando di valorizzare le competenze maturate in anni di esperienza dirigenziale. Se poi Cavatton vorrà trovare un’altra soluzione in altro Comune (si parla di Bagnoli di Sopra, ndr), farò in modo che non ci sia alcun impedimento per il suo trasferimento».

Ma il silenzio di Cavatton difficilmente persisterà: ci sono i margini per ricorrere a Tar e Giudice del Lavoro visto che, almeno fino all’1 gennaio, Cavatton avrebbe dovuto essere al comando della polizia solesinese, impegnata per convenzione anche a Pozzonovo, Granze e Sant’Elena. La “fretta” potrebbe costare cara alla nuova amministrazione. —